IL SANTO DEL GIORNOԑ PRIMO PIANO

5 gennaio: San Carlo di Sant’Andrea, sacerdote passionista

Joannes Andreas Houben nasce l’11 dicembre 1821 a Munstergeleen, villaggio dei Paesi Bassi. Durante il servizio militare sente parlare della Congregazione della Passione, fondata in Italia nel XVI secolo da San Paolo della Croce, da poco approdata nel suo Paese. Ottenuto il congedo, viene ammesso per il noviziato nel convento di Ere, in Belgio, dove assume il nome di fratel Carlo di Sant’Andrea. Ordinato sacerdote il 21 dicembre 1850, viene inviato in Inghilterra, dove si adopera per gli immigrati cattolici irlandesi e per l’unità tra i cristiani. Sette anni più tardi viene mandato al convento di Mount Argus, presso Dublino.

Fratel Carlo si distingue nell’esercizio dell’obbedienza, nella pratica della povertà, dell’umiltà e della semplicità, e ancor più nella devozione alla Passione del Signore. Porta sempre in mano un piccolo crocifisso per non distogliersi dalla contemplazione della Passione ed è molto fervente nella celebrazione della Messa, che sovente prolunga oltre il solito. La sua fama di uomo virtuoso, dedito al bene delle anime, lo segue anche in quella destinazione: molti, specie malati, vanno da lui per un consiglio, per confessarsi o per ricevere la sua benedizione, che ottiene guarigioni singolari.

(Foto Wikipedia)

Padre Carlo non lascia quel convento che per un breve periodo: muore a Mount Argus il 5 gennaio 1893 per una malattia che aveva contratto dodici anni prima. Ai funerali partecipa moltissima gente a testimonianza della devozione popolare verso quello che già chiamavano il “Santo di Mount Argus”.

La causa di beatificazione e di canonizzazione si è iniziata il 13 novembre 1935, mentre il 16 ottobre 1988 Giovanni Paolo II lo ha proclamato beato. La canonizzazione è legata alla guarigione miracola compiuta su un suo concittadino, tale Adolf Dormans di Munstergeleen. Il decreto riguardo al miracolo è stato letto in presenza di Benedetto XVI il 21 dicembre 2006, che ha canonizzato Carlo il 3 giugno 2007. I suoi resti mortali sono venerati nel Ritiro passionista di Mount Argus, dedicato a San Paolo della Croce, a Dublino.

Alessio Yandusheff-Rumiantseff

Sacerdote cattolico, nato a San Pietroburgo nel 1973, attualmente vive a Roma dove svolge il suo servizio pastorale ed accademico. Dottore in Teologia e professore. Ha compiuto gli studi in genetica a San Pietroburgo, in filosofia in Liechtenstein e in teologia alla Pontificia Università Lateranense e alla Pontificia Università Gregoriana di Roma. È cappellano della Facoltà di Economia dell'Università La Sapienza. Collabora con le riviste teologico-filosofico-storiche "Traditio viva" e "Folia petropolitana" in qualità di redattore e traduttore.

Articoli Correlati