DAL MONDOԑ TOP NEWS

Uragano Dorian: decine di vittime, 800 mila evacuati alle Bahamas

MIAMI. “Ci sono danni catastrofici. Abbiamo indicazioni di diversi morti, di corpi visti per le strade delle isole di Abaco, ma non siamo ancora in grado di confermare queste indicazioni fino a quando non vedremo con i nostri occhi”. Il ministro degli esteri delle Bamahas, Darren Henfield, racconta il passaggio di Dorian, l’uragano che si è abbattuto sull’arcipelago con tutta la sua forza da categoria 5, con venti fino a 354 chilometri orari. I danni più importanti si sono verificati nelle isole Abaco, sommerse dalle piogge torrenziali. Lì c’è stata la prima vittima accertata: un bambino di 8 anni, che è morto annegato. Dispersa la sorellina. Ma si calcola che siano decine le vittime, come raccontano alcuni testimoni che confermano di avere veduto tanti corpi senza vita in mezzo alle strade. Si calcola che siano state distrutte almeno 13 mila case.

Nelle ultime ore, quello che è stato definito dagli scienziati come il secondo uragano più forte mai registrato nell’Atlantico dopo Allen nel 1980, sta perdendo forza ed è sceso a categoria 4, mentre continua a muoversi verso la Florida. I venti soffiano a 155 miglia all’ora, circa 249,4 chilometri all’ora. Un uragano è considerato di categoria 5 quando i venti sono di 157 miglia all’ora in modo consistente. Dorian si muove lentamente a circa 1,6 chilometri all’ora e dovrebbe arrivare sulle coste della Florida a categoria 4.

Per quanto riguarda gli States, in Florida, Georgia, Carolina del Nord e del Sud hanno già dichiarato lo stato d’emergenza avviando un piano di evacuazione che riguarda centinaia di migliaia di persone. La Florida in particolare ha già emesso i primi ordini in questo senso in alcune parti di Palm Beach, dove si trova il resort Mar-a-Lago di Donald Trump, e Martin Counties. Negli aeroporti di Fort Lauderdale, Orlando Melbourne, Palm Beach, Miami e Orlando Sanford sono stati cancellati di più di mille voli. Per i primi tre è prevista la chiusura completa. Prevista anche la chiusura di cinque porti: Miami, Everglades, Fort Pierce, Palm Beach e Port Canaveral. Sono state intanto evacuate 72 case di cura lungo le coste dello Stato, mentre alcuni ospedali sono stati evacuati o stanno mettendo a punto piani per svuotare gli edifici.

Articoli Correlati