CRONACHEԑ SICILIA

Anche Simone è morto come Alessio, i due piccoli cuginetti travolti da un suv

VITTORIA. Il commissario prefettizio di Vittoria, Filippo Dispenza, ha comunicato che è morto anche Simone, 12 anni, il cuginetto di Alessio, falciato dal Suv nel centro di Vittoria, in provincia di Ragusa. Alla guida Rosario Greco, sotto effetto di alcol  e cocaina.  Elio Greco, secondo i magistrati, è stato un affiliato del clan Dominante-Carbonaro e vicino alla famiglia mafiosa gelese dei Rinzivillo. Arrestato, nel dicembre 2017, nell’inchiesta ‘Ghost Trash’ sul presunto controllo della mafia nel settore degli imballaggi al mercato ortofrutticolo di Vittoria, a Pasqua è tornato di nuovo in carcere per tentato omicidio. I due ragazzini sono stati investiti in pieno mentre erano seduti sul gradino dell’uscio di casa, in un quartiere in cui tutti si conoscono e sono legati da una trama di relazioni sociali.

Qualcuno ha visto e ha descritto una scena impressionante documentata dalle immagini di un sistema di videosorveglianza.  Da venerdì mattina il piccolo, che perso le gambe, quasi del tutto tranciate nel terribile impatto, era ricoverato al Policlinico di Messina dove era stato trasferito con in elisoccorso. Stamattina sono stati celebrati a Vittoria i funerali dal cuginetto morto anche lui dopo essere stato investito mentre giocava davanti casa. Una città intera in lacrime ha reso omaggio al piccolo Alessio, falciato da un Suv giovedì sera mentre stava giocando davanti alla sua casa. La Chiesa di San Giovanni era stracolma di gente, più di tremila persone almeno, famiglie intere che hanno voluto testimoniare vicinanza e affetto alla famiglia del piccolo Alessio ma anche la risposta civile di una città alle scorribande di criminali che hanno spento la vita di un ragazzino di 11 anni. A celebrare la messa il vescovo di Ragusa Carmelo Cuttitta che ha ricordato l’insegnamento che la morte di Alessio potrà dare. «Oggi Alessio è con noi – ha detto il Vescovo- e lo sarà sempre. Il suo sacrificio non resti vano». E oggi quel dolore si ripete, amplificato con la notizia che il piccolo Simone non ce l’ha fatta.

Loading...

Articoli Correlati