CRONACHEԑ PIEMONTE

Arrestato il rumeno che ferì gravemente il datore di lavoro con una bottiglia

VERBANIA. E’ accusato di tentato omicidio e da oggi è in carcere il rumeno di 27 anni che aveva colpito alla giugulare con una bottiglia rotta il titolare di un ristorante pizzeria di via Manzoni a Pallanza la sera del 24 giugno. L’aggressione era avvenuta all’esterno del locale, sembra per motivi di lavoro, il rumeno infatti era un ex dipendente.

L’episodio, risalente al 24 giugno e avvenuto davanti al locale, sarebbe arrivato nel corso una lite scoppiata per motivi di lavoro. La discussione era iniziata all’interno. Prima sono volate parole grosse ma, dopo un primo momento acceso, sembrava che gli animi si fossero placati. L’ex dipendente è però tornato sui suoi passi e ha lanciato una bottiglia di birra contro il rivale. Il vetro è andato in frantumi e i cocci gli hanno ferito il volto e il collo. Più grave il taglio alla giugulare, che gli ha provocato una notevole perdita di sangue. Soccorso dal personale del 118, il ristoratore è stato portato al Dea del vicino ospedale “Castelli”, dove è stato suturato. Perdurando un quadro clinico incerto s’è deciso di trasferirlo al “Maggiore” di Novara, dove è stato ricoverato nel reparto di Rianimazione. Le indagini sono state svolte dal Nucleo radiomobile dei carabinieri, il cui personale è intervenuto sul posto. Il pm Gianluca Periani ha chiesto al Gip l’ordinanza di custodia cautelare in carcere che oggi è stata eseguita. Il ventisettenne si trovava in una comunità quando è stato arrestato.   Il pm Gianluca Periani ha chiesto e ottenuto un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, che è stata eseguita dai Carabinieri.

Articoli Correlati