CRONACHEԑ TOP NEWS

Autostrade liguri, la girandola dei disservizi e dei rimpalli di responsabilità

GENOVA. È arrivato il momento del ‘redde rationem’ per il nodo autostradale ligure. Il caos è tale e tanto sulle direttrici attorno a Genova, intricate da gallerie chiuse e aperte, scambi di carreggiata e bypass volanti che viaggiare è diventato realmente un inferno.

Un inferno per i genovesi che vanno e vengono per lavoro, per i turisti che non vengono, per i grandi imprenditori dello shipping che invece se ne vanno. Come la cinese Cosco, che consiglia ai clienti di non servirsi dello scalo genovese. Tre i giocatori di una partita difficile da giocare, partita sul cui sfondo traspare la vicenda della revoca della concessione a Aspi chiesta dal Movimento 5 stelle subito dopo la tragedia del Ponte Morandi. In effetti, il crollo del Morandi è stata la madre di tutte le sciagure che si sono concentrate sulle autostrade liguri. Anche se questa sembra un’altra storia, è comunque il fil rouge di una vicenda che ha per protagonisti il Mit, la concessionaria e cioè Aspi e la Regione Liguria ovvero il governatore Giovanni Toti.

Articoli Correlati