CRONACHEԑ MARCHE

Carabiniere accoltellato alla schiena da un marocchino

FERMO. Un carabiniere è stato accoltellato alle spalle in strada e ferito in modo serio da un marocchino a Montegranaro, in provincia di Fermo. E’ successo ieri sera intorno alle 23. Il militare, un brigadiere di 59 anni, è stato portato in ospedale dove si trova in prognosi riservata, ma non è in pericolo di vita. Lo straniero, un marocchino di 46 anni, regolare, è stato arrestato. Era ubriaco e infastidiva le persone in un locale, quando i militari erano intervenuti per allontanarlo. Il militare ha subito una ferita intrascapolare, con la lama che è entrata per pochi centimetri, arrivando a sfiorare un polmone e provocando un versamento ematico. Per questo il brigadiere è ricoverato all’ospedale di Fermo, sottoposto a drenaggi e, una volta conclusi, sarà verosimilmente sciolta la prognosi.

L’aggressore arrestato risponde di tentato omicidio, lesioni e porto abusivo di armi. Era stato allontanato da un locale del centro, dove c’erano anche altre persone. Dopo averlo identificato, i militari stavano per allontanarsi quando lui si è scagliato contro il brigadiere, colpendolo alla schiena. Forze dell’ordine sotto attacco, numeri allarmanti.  Quello di Montegranaro è solo l’ultimo episodio di aggressione nei confronti di ufficiali delle forze dell’ordine. I numeri parlano chiaro: in tutto il 2018 sono state registrare 2.646 aggressioni, per una media di sette uomini di polizia feriti al giorno. Nel 47,8% dei casi a commettere violenze contro le divise sono stati immigrati. A denunciare il tutto ci ha pensato l’Associazione sostenitori e amici della polizia stradale, secondo la quale è l’Arma dei carabinieri quella più colpita dagli attacchi, di italiani e stranieri. I militari, nel corso del 2018, hanno subito 1.210 aggressioni, contro le 1.137 che ha dovuto fronteggiare la polizia. A seguire, ecco gli uomini della polizia locale, che nel 2018 hanno subito 305 aggressioni. Infine, tutte le altre forze dell’ordine, che mettono assieme un centinaio di violenze. Tutti numeri in netto aumento rispetto al 2017. Il che è inquietante.

Loading...

Articoli Correlati