• 24 Settembre 2021
  • TURISMO

Coldiretti lancia l’allarme: ad agosto 4 milioni di turisti stranieri in meno

A pesare sul turismo italiano alcune misure di contenimento Covid messe in atto per i cittadini provenienti da Paesi extra Ue e alcuni paesi europei.

Con la ripresa dei contagi e delle limitazioni ai viaggi per il mese di agosto mancheranno all’appello in Italia circa 4 milioni di turisti stranieri con i pernottamenti dall’estero praticamente dimezzati rispetto allo stesso periodo prima della pandemia. È quanto emerge da una proiezione di Coldiretti sulla base dei dati Bankitalia in occasione del primo weekend estivo da bollino rosso.

A pesare è la conferma di alcune misure di contenimento della pandemia come ad esempio il periodo di quarantena di 10 giorni imposto a coloro i quali giungono da Paesi extraeuropei, eccezion fatat per quelli della lista raccomandata dall’Ue per i quali la quarantena è ridotta a 5 giorni con la conferma della mini quarantena anche per la Gran Bretagna.

Ma le difficoltà nel turismo sono ulteriormente acutizzate dalla diffusione della pandemia in diversi continenti europei: secondo la nuova mappa pubblicata dall’Ecdc gran parte dell’Europa sta pagando le conseguenze della quarta ondata, quella scaturita a seguito della diffusione della temibile variante Delta. A partire dalla Spagna che è colorata quasi interamente rosso scuro come Olanda e Cipro, mentre è rossa la maggior parte di Grecia e Francia oltre a Irlanda e Portogallo e parzialmente rossa la Danimarca, il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie.

turisti
Vacanze la mare in Italia (Pexels)

Per Coldiretti l’assenza di stranieri in vacanza in Italia pesa sull’ospitalità turistica nelle mete più gettonate che risentono notevolmente della loro mancanza anche perché i turisti dall’estero hanno tradizionalmente una elevata capacità di spesa. Ad essere colpite sono state soprattutto le città d’arte che sono le storiche mete del turismo dall’estero.

Rilevante è l’impatto dal punto di vista economico ed occupazionale sul sistema turistico nazionale per le mancate spese di alloggio, trasporti, divertimenti, shopping e alimentazione. Il cibo è la voce più rilevante del budget dei turisti stranieri con oltre 1/3 della spesa destinata all’alimentazione per ristoranti, agriturismi o souvenir. “Le conseguenze si faranno sentire – conclude la Coldiretti – anche dal venir meno della leva positiva del turismo sulle esportazioni agroalimentari nazionali con i turisti che al ritorno in patria cercano sugli scaffali i prodotti gustati durante il viaggio“.

Tags

Articoli correlati