CRONACHEԑ CALABRIA

Confiscati beni ad appartenenti alla cosca di Decollatura

LAMEZIA TERME. “Colpire le organizzazioni nei beni nel denaro è colpirli al cuore del potere” così il giudice Giovanni Falconi era solito ripetere la filosofia di quella che divenne una traccia vincente contro il crimine organizzato. Beni per circa un milione duecentomila euro sono stati sequestrati e confiscati dalla Guardia di finanza di Lamezia Terme a Pino e Luciano Scalise e a quattro eredi di Daniele Scalise, ritenuti appartenenti all’omonima cosca di ‘ndrangheta di Decollatura. I provvedimenti sono stati emessi dal Tribunale di Catanzaro su richiesta della Dda del capoluogo.

I destinatari, secondo gli inquirenti, si contrappongono alla cosca Mezzatesta nella cosiddetta faida di Decollatura scoppiata di fatto con il duplice omicidio di Giovanni Vescio e Francesco Iannazzo, proseguita con quelli di Daniele Scalise e Luigi e Aiello e culminata con gli omicidi dell’avvocato Francesco Pagliuso e poi di Gregorio Mezzatesta. Il tutto nel contesto svelato dall’operazione “Reventinum”. La misura adottata oggi riguarda 9 fabbricati, 11 veicoli e sei terreni. E’ stato dimostrato dai finanzieri che il valore dei beni è sproporzionato rispetto ai redditi dichiarati e al tenore di vita degli interessati.

Loading...

Articoli Correlati