CRONACHEԑ CAMPANIA

Fa esplodere bombolette da camping davanti alla Curia, tre ustionati

AVELLINO. Paura e momenti di confusione in città. Tre bombolette di gas da camping sono state fatte esplodere da un disoccupato ad Avellino in prossimità del portone del palazzo vescovile; nell’esplosione sono rimasti feriti un passante, un vigile urbano e il direttore della Caritas diocesana, Carlo Mele, che ha i suoi uffici all’interno dell’edificio in piazza della Libertà. Hanno rimediato lievi ustioni. Il responsabile dell’attentato, dopo aver provocato le esplosioni, ha tentato di fuggire ma è stato bloccato da un agente della Polizia municipale e da un passante per essere poi trasferito in Questura. É un disoccupato originario della provincia di Salerno, residente in Irpinia. 

Al momento dell’esplosione il vescovo, monsignor Arturo Aiello, era in sede. Si è detto “molto rammaricato” per l’episodio e si è accertato delle condizioni delle persone ferite. Sul posto gli agenti della Polizia scientifica, Vigili urbani e Vigili del Fuoco. Il sindaco, Gianluca Festa, si è recato nella Curia per manifestare solidarietà a monsignor Aiello e ai feriti. Emergono nuovi dettagli sull’autore dell’attentato al Palazzo Vescovile di Avellino. Si tratterebbe di un 43enne residente a Forino ( Avellino) e originario del salernitato. L’uomo sarebbe già noto alle forze dell’ordine e si tratterebbe di un frequentatore della mensa dei poveri di Avellino, diretta dalla Caritas. Dopo essere stato fermato da una pattuglia dei vigili urbani, con l’aiuto di alcuni passanti che avevano assistito alla scena, il 43enne è stato inizialmente condotto presso il Comando della Municipale e poi preso in custodia dagli uomini della Questura di Avellino. Ad inchiodare l’attentatore ci sarebbero alcune testimonianze dirette oltre ai filmati delle telecamere di sorveglianza presenti davanti al Palazzo Vescovile e in piazza Libertà. L’attentato sarebbe il gesto di uno squilibrato ma gli investigatori stanno verificando se l’uomo avesse avuto qualche contrasto con la Caritas nella frequentazione della mensa dei poveri. 

Loading...

Articoli Correlati