CRONACHE

Il Premier Conte in Vietnam per promuovere scambi commerciali

ROMA. Ad Hanoi, in Vietnam quello vero, per rilassarsi un po dal “Vietnam politico italiano”. Così dei maliziosi avrebbero potuto pensare dopo la tiratina d’orecchie fatta a Matteo Salvini e Gigi Di Maio prima di partire. Tiratina d’orecchie “inutile” secondo i due ministri ma dai risultati immediati e positivi. Il Premier Giuseppe Conte stempera e tiene a sottolineare

“Ho voluto essere qui anche se sono giorni impegnativi in Italia- ha affermato il premier Giuseppe Conte intervenendo all’evento organizzato dall’Ice “The Italian technologies for Vietnam’s smart and circular economy”, al Melia Palace Hotel di Hanoi sottolineando l’importanza del Vietnam per le aziende italiane e rimarcando che “il governo guarda con favore al rafforzamento del sostegno anche finanziario alle aziende che investono nel Paese. Il Vietnam è infatti parte della “push strategy” di Sace”.  “Il Vietnam è una società giovane e in crescita, e il made in Italy può essere apprezzato sempre più, visto che offriamo prodotti di elevata qualità e che rivelano quell’ingegno che ci fa conoscere in tutto il mondo. Il Vietnam è un mercato prioritario e strategico per le nostre imprese”, sottolinea ancora Conte. Gli auspici di un accordo sono positivi sia per l’ Italia che per il Vietnam una Nazione giovane uscita da decenni di guerra prima contro il colonialismo francese, la guerra civile tra Sud e Nord, il conflitto con gli Stati Uniti e la guerra con la Cambogia dei Khmer rossi. Il Vietnam sta costruendo il proprio futuro e per l’ Italia potrebbe essere un privilegio ed una grande occasione avviare, come pare, un partnerariato commerciale.

Giuseppe Muri

Giornalista pubblicista dagli Anni Ottanta, si occupa di cronaca e di costume. Ha lavorato per un lungo periodo nelle redazioni di testate locali piemontesi. Appassionato di storia, ha svolto alcune inchieste legate a fatti importanti che hanno caratterizzato il Novecento italiano.

Articoli Correlati