• 27 Settembre 2021
  • TURISMO

Italia paese di poeti, santi navigatori e case a 1 euro

Quasi tutti i piccoli comuni italiani hanno messo in vendita le case dei loro borghi abbandonate alla modica cifra di un euro. Tra questi il comune di Borgomezzavalle in Piemonte.

L’iniziativa nacque in Sicilia per ristrutturare interi borghi abbandonati e ripopolarli, poi nel corso degli anni tutte le regioni italiane hanno scoperto di avere tesori nascosti ormai deserti e mal tenuti da dover salvare a tutti i costi e oggi tutte le regioni hanno aderito all’iniziativa, tanto che possiamo parafrasare la compianta Raffaella nazionale e canticchiare allegramente: “Quanto è bello comprare una casa ad un euro da Trieste in giù

Le case ad un euro di Borgomezzavalle

Nella lista dei comuni dediti all’operazione non potevano mancare quelli piemontesi. Nella regione l’economica compravendita la si può fare nei comuni di Albugnano, Borgomezzavalle e Carrera Ligure. Borgomezzavalle è un comune istituito da poco, il 1º gennaio 2016, dall’unione dei comuni di Seppiana e Viganella nella provincia di Verbano Cusio Ossola. Conta meno di 400 abitanti ed è meta ideale di tutti gli appassionati di passeggiate e trekking.

Il sindaco Stefano Bellotti come tutti gli altri sindaci della casa a un euro, ammette che si è deciso di procedere alla vendita per rimediare allo spopolamento divenuto fisiologico e che ha portato all’abbandono degli edifici tipici della zona.

Ma il primo cittadino ci tiene a far sapere ai media che in paese arriva la fibra, quindi ottimo il contatto con la natura e il silenzio, ma non dimentichiamoci che l’umanità degli anni 2000 non prescinde dalla fibra. Tanto più in epoca di pandemia dove imperversano smartworking e DAD per i giovani studenti.

Case a 1 euro a Borgovalle
Una via del centro di Borgomezzavalle (Fonte: Facebook)

Difficile rintracciare i proprietari

La prassi vuole che una volta decisa la vendita si contattino i proprietari dei ruderi e dei fabbricati, operazione non semplice a dire del sindaco perché questi edifici hanno più proprietari o risultano ancora intestate ai bisnonni e molti fortunati neppure sanno di averle ereditate.
Questo tipo di ostacoli sono stati superati nel piccolo borgo piemontese e nel 2016 l’amministrazione ha iniziato a vendere la sue case a un euro. Ma attenzione quest’ultima non funge da agenzia immobiliare, è solo intermediaria tra venditori e acquirenti e quindi non si deve temere nessun costo aggiuntivo che esce fuori all’ultimo minuto.

Le case in vendita a Borgomezzavalle sono nel centro del paese e un po’ più in periferia in aree limitrofe e naturalmente necessitano di grande opera di manutenzione perché si tratta di per lo più di edifici abbandonati da anni bisognosi più che mai di interventi strutturali.

Non sappiamo il numero esatto delle case vendute a Borgomezzavalle però da cinque anni a questa parte diverse case sono state acquistate. Purtroppo l’arrivo della pandemia ha frenato le compravendite e gli entusiasmi, ma nel 2021 sono stati assegnati altri due immobili.
Gli acquirenti sono sia italiani e molto spesso stranieri e il desiderio più grande dei sindaci delle case ad un euro è quello di vederli trasformati in B&B dai compratori per ottenere ripopolamento e incremento del turismo.

Tags

Valentina Roselli

Laureata in Scienze Politiche, giornalista, ha iniziato come cronista per importanti testate nazionali e locali, ha collaborato con alcuni periodici di attualità occupandosi di politica ed è stata direttrice editoriale del quotidiano "Notizie Nazionali". Negli ultimi anni ha lavorato come ghostwriter e ha collaborato ad inchieste giornalistiche di attualità per radio e tv online.

Articoli correlati