LIBRIԑ PIEMONTE

La cultura a passeggio a Torino con Portici di Carta

TORINO. Sarà speciale nel ricordo dello scrittore scomparso Andrea Camilleri, e per quanto riguarda gli incontri con personalità del mondo della cultura, questa nuova edizione della manifestazione torinese Portici di Carta, che si terrà i prossimi 5 e 6 ottobre, sabato e domenica, nel centro città, tra via Roma, piazza San Carlo, e piazza Carlo Felice. Sabato 5 ottobre, alle ore 18.30 presso l’Oratorio di San Filippo Neri, lo scrittore Antonio Manzini e il critico letterario Antonio D’Orrico omaggeranno una voce unica, Camilleri, critica e indipendente, coscienza critica del Paese, uno degli scrittori più amati degli ultimi decenni. Durante la manifestazione saranno presenti quindi due chilometri di librerie, oltre 150 tra librai, editori piemontesi e bouquinistes (rivenditori di libri usati e antiquari), laboratori per bambini, itinerari alla scoperta della città, e passeggiate letterarie. Il libro sarà promosso con il progetto “più lungo del mondo” in termini di bancarelle, grazie alla Città di Torino, con le sue Biblioteche civiche e il Centro Interculturale, realizzato da Associazione Torino, La Città del Libro e Fondazione Circolo dei lettori, con il sostegno di Regione Piemonte, e con la partecipazione dei librai torinesi coordinati dal libraio Rocco Pinto della libreria “Il Ponte sulla Dora”.

ragazzi a portici di carta
Foto dal sito Portici di Carta

Sono 13 gli anni di Portici di Carta, iniziativa di forte impronta popolare capace di coinvolgere, fin dalla prima edizione, tutti i soggetti della filiera del libro, dagli editori ai librai, dalle biblioteche alle scuole. I portici sotto i quali avrà luogo l’evento saranno divisi in 20 tratti tematici, per raggruppare in modo omogeneo le librerie e le case editrici a seconda delle rispettive specializzazioni. L’edizione 2019 di Portici di Carta sarà anche l’occasione giusta per celebrare il 150° dalla fondazione della Biblioteca civica Centrale, prima sede del servizio bibliotecario pubblico a Torino, ricordando le Biblioteche Civiche Torinesi, luoghi di conoscenza, incontro, scambio culturale, centri di aggregazione inclusivi e democratici. “Ripensare le Biblioteche Civiche Torinesi”, sostenuto da Intesa Sanpaolo, è, inoltre, il progetto ideao per restituire alla città la storia delle biblioteche, rendendola attuale e proiettandola nel futuro attraverso numerose iniziative, a partire dall’ideazione di un claim “facciamo conoscenza”, e di un nuovo logo, in collaborazione con lo Ied Torino, proiettato dal 4 al 6 ottobre 2019 sulla Mole Antonelliana.

Il calendario degli Incontri a Portici di Carta

Articoli Correlati