CRONACHEԑ SICILIAԑ TOP NEWS

Lite per un parcheggio, zio e nipote uccisi nel Messinese

MESSINA. Due persone, Antonino Contiguglia, 60 anni, e Fabrizio Contiguglia, 30 anni, rispettivamente zio e nipote, sono state uccise a Ucria (Me) ieri sera a colpi di fucile dopo una lite nata per un parcheggio conteso. Nella sparatoria, avvenuta poco dopo le 21, è rimasto ferito anche un altro parente delle due vittime: l’uomo è stato trasportato all’ospedale di Patti e sarebbe in gravi condizioni. Subito dopo la sparatoria è anche scoppiata una violentissima rissa tra persone vicine alle due vittime e all’omicida, mentre diversi abitanti in zona, quando hanno udito gli spari, si sono rifugiati all’interno delle loro case.

Sul posto sono intervenuti i militari dell’Arma, che subito hanno avviato una caccia all’uomo e dopo alcune ore hanno fermato il presunto assassino che si era barricato in casa. Si tratterebbe di un uomo originario di Paternò, nel Catanese, che si è arreso una volta raggiunto dai carabinieri. Il sostituto procuratore della Procura della Repubblica di Patti ha disposto il fermo dell’uomo. Il presunto omicida è stato quindi trasferito nel carcere di Gazzi a Messina. A condurre le indagini sono i Carabinieri di Patti, che hanno raccolto già alcune testimonianze sul luogo del delitto.

Piero Abrate

Giornalista professionista dal 1990, in passato ha lavorato per quasi 20 anni nelle redazioni di Stampa Sera e La Stampa, dirigendo successivamente un mensile nazionale di auto e il quotidiano locale Torino Sera. È stato docente di giornalismo all’Università popolare di Torino.

Articoli Correlati