CRONACHEԑ EMILIA-ROMAGNAԑ PIEMONTEԑ TOP NEWSԑ TOSCANAԑ TRENTINO ALTO ADIGE

Maltempo da nord a sud: 6 carabinieri sorpresi dalla piena del Reno in Emilia

Sembra un bollettino di guerra quello che sta producendo la vasta perturbazione che coinvolge gran parte dell’Italia, soprattutto al Nord e al centro, in questo primo sabato di febbraio.

Presentare un bilancio preciso non è agevole, viste le notizie che arrivano frenetiche e in qualche caso si accavallano.
In Piemonte sia in montagna che in pianura, dopo una mattinata di tempo incerto, dall’ora di pranzo e per buona parte del pomeriggio è caduta la neve.

Pioggia torrenziale, valanghe, fiumi in piena in Alto Adige, dove è stato necessario chiude un tratto dell’autostrada del Brennero. Nelle stazioni sciistiche delle Dolomiti sono caduti fino ad 85 centimetri di neve. Alcuni famosi passi restano chiusi e vengono segnalati pericoli di valanghe.


A Venezia il fenomeno dell’acqua alta ha raggiunto i 113 cm di altezza. Le situazioni più gravi e preoccupanti si registrano in Toscana e in Emilia Romagna, dove si sono alzati i livelli di diversi corsi d’acqua. Nella provincia di Bologna il fatto più grave con 6 carabinieri che, sorpresi da un’improvvisa onda di piena, hanno riportato ferite nell’azione di soccorso di un gruppetto di persone che si trovavano in difficoltà. Circa 300 cittadini hanno dovuto lasciare le loro abitazioni per la tracimazione in alcuni punti del fiume Reno.

Anche il fiume Cecina ha rotto gli argini in alcuni tratti nella provincia di Livorno. Sempre in Toscana, si è ingrossato l’Arno, che mette in apprensione Firenze, dove è stato chiuso uno dei maggiori ponti della città. Situazioni di criticità anche nella provincia di Pisa per le condizioni del torrente Serchio.
A Roma sono stati chiusi gli accessi alle banchine del Tevere a causa dell’innalzamento del livello del fiume.

In Campania è stato diffuso un’allerta con il rischio di allagamenti. Si è già verificata in alcune zone l’esondazione del Sarno, con case raggiunte dall’acqua e conseguente evacuazione di case e di cascinali, dove sono attive alcune aziende agricole.

Loading...
Tags

Articoli Correlati