CRONACHEԑ PIEMONTE

Odio razziale in condominio: indagati coniugi italiani

TORINO. La procura di Torino sta indagando su una coppia di coniugi italiani di 54 e 59 anni per insulti e minacce di morte alla vicina di casa, e al figlio di sei anni, perché di colore. Atti persecutori aggravati dall’odio razziale i reati ipotizzati dal pm Pazè. Numerosi gli episodi contestati alla coppia, tra l’ottobre 2017 e dicembre 2018.

Le vittime, subendo anche minacce di morte, si sono rivolte alla polizia nel momento in cui le aggressioni sono aumentate e diventate più violente. L’anno scorso, poi, la stessa sorte è toccata a un parente della donna di origine marocchina: recatosi dai parenti per una visita, i vicini indagati gli avrebbero mostrato un coltello a serramanico. «Se non te ne vai, ti tiro fuori le budella», avrebbero detto, accompagnando le parole con un gesto significativo. Il pm ha chiesto per i coniugi l’allontanamento da casa; il gip ha disposto il divieto di avvicinamento.

Loading...

Articoli Correlati