CRONACHEԑ LIGURIAԑ TOP NEWS

Ponte Morandi, i parenti delle vitime: “Non parteciperemo all’inaugurazione”

Il comitato delle 43 vittime del crollo di ponte Morandi ha inoltre tributato un sentito ringraziamento nei confronti del presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

II comitato dei parenti delle 43 vittime del crollo di ponte Morandi non parteciperà alla cerimonia di inaugurazione del nuovo viadotto autostradale di Genova sul torrente Polcevera. Lo ha annunciato Egle Possetti, portavoce del comitato.

Saremo onorati che nella cerimonia siano nominate le nostre vittime, che meritano un posto in prima fila, ma come Comitato non parteciperemo alla cerimonia di inaugurazione. Quel momento, in quel luogo, non può essere parte di noi“. Queste le parole del comitato in una nota, che poi prosegue: “Dopo le nostre pressanti richieste e l’importante intervento del presidente Mattarella l’inaugurazione ha acquisito connotazioni di sobrietà, soprattutto in rispetto di coloro che da quel ponte non sono più tornati“.

Video di commemorazione per le 43 vittime del crollo di ponte Morandi (Twitter)

I parenti dei caduti si erano riuniti ieri in assemblea per decidere la propria posizione ufficiale in vista dell’evento che si terrà nel sito del nuovo ponte alla fine dei lavori. Le famiglie delle vittime chiedono che venga rispettato il loro dolore e le forti emozioni provate durante la costruzione del ponte la cui origine è stata definita ‘indegna’: “Il nostro cuore e quello di molti cittadini ha sempre sperato in un’inaugurazione sobria, infatti da sempre pensiamo che i motivi di festeggiamento dovrebbero essere altri“, hanno sottolineato.

La decisione di non presenziare all’evento è avvenuta quando i membri del comitato si sono resi conto che l’inaugurazione sarebbe potuta trasformarsi in un evento mediatico con caratteristiche tali da farla sembrare più una festa che una commemorazione: “Non ci siamo opposti a concerti di musica classica, ma francamente ad un certo punto si era generata una tale confusione nell’informazione che per tutti penso sia stato difficile dipanare la matassa.

parenti vittime ponte morandi

Per noi purtroppo la ricostruzione del ponte, che dovrebbe unire nuovamente la città, non riuscirà mai a ricostruire quello che abbiamo perso, il lavoro che è stato fatto è molto, le persone che hanno operato nella ricostruzione meritano il nostro rispetto, ma questo ponte per noi ha un significato ben preciso che ci strazia il cuore“.

Rispetto tributato anche nei confronti del presidente della Repubblica Sergio Mattarella, e del suo intervento sulla vicenda che secondo i parenti delle vittime del Morandi è stato importante affinché la cerimonia di inaugurazione assumesse ‘connotazioni di sobrietà’: “Ringrazieremo personalmente il Presidente nell’incontro privato che avremo, sia per il suo intervento in questa vicenda, sia per averci permesso di parlare con lui e comunicare il nostro sentire“, spiegano infine dal Comitato.

Norbert Ciuccariello

Tags

Articoli Correlati