CRONACHEԑ EMILIA-ROMAGNA

Reggio Emilia: indagini a tappeto della GdF su appalti pubblici

BOLOGNA. Sono in corso a Reggio Emilia perquisizioni della Guardia di Finanza su ordine della Procura nelle sedi del Comune, di alcune società e negli studi e nelle abitazioni di professionisti che hanno ottenuto appalti o servizi dall’amministrazione comunale. Sono stati notificati avvisi di garanzia a 15 indagati accusati, a vario titolo, di turbata libertà degli incanti, falsità ideologica di pubblico ufficiale, rivelazione di segreto d’ufficio, abuso d’ufficio e corruzione. Contestualmente alle operazioni di perquisizione, sono stati notificati avvisi di garanzia ai 15 indagati. I reati per i quali si procede sono: turbata libertà degli incanti, falsità ideologica del pubblico ufficiale, rivelazione di segreto d’ufficio, abuso d’ufficio e corruzione. Le contestazioni riguardano nello specifico: la nomina del direttore dell’Azienda pubblica di servizi alla persona; l’affidamento dei servizi legali ed assicurativi del Comune; la gestione dell’asilo nido “Maramotti”; la rimozione di veicoli e ripristino sicurezza stradale; la gestione di riscaldamento e manutenzioni impianti edifici comunali; la gestione di aree di sosta comunali e trasporto scolastico, di qui la necessità di approfondire gli accertamenti e di ricercare ogni documento o elemento utile alla ricostruzione dei fatti.

Gli investigatori avrebbero rilevato una serie di irregolarità nelle procedure di affidamento: tra l’altro nella nomina del direttore dell’azienda pubblica di servizi alla persona, nei servizi legali e assicurativi del Comune, nella gestione di un asilo nido, nell’ambito della rimozione dei veicoli, della gestione del riscaldamento e manutenzione impianti degli edifici comunali, della gestione di aree di sosta e trasporto scolastico.

Loading...

Articoli Correlati