CRONACHEԑ LAZIO

Ricette nuove manovre vecchie…nelle tasche dei cittadini

ROMA. La ricetta del centro studi di Confindustria per scoraggiare l’evasione è quella di aumentare gli sconti per chi paga con meccanismi tracciati, (bonifici o carte di credito) e tassare, invece, del 2% i prelievi di contante oltre i 1.500 euro mensili. Per l’agevolazione si tratta, secondo lo studio, di garantire uno sconto del 2% al cliente che effettua le transazioni tracciate: «Il flusso in uscita dalle casse dello stato», spiega l’autore dello studio Andrea Montanino, «sarebbe differito poiché la detrazione non sarebbe applicata al momento del pagamento ma, successivamente, al momento della dichiarazione dei redditi».

La stima dell’operazione porterebbe a fronte di un costo dello stato, nel 2020, di circa 5,7 mld di euro, un effetto indiretto di emersione, rispetto alla situazione attuale di 6,8 mld di euro con, calcola il documento, un gettito aggiuntivo da emersione di 2,87 mld. Da contraltare a questa proposta, il secondo intervento che è una commissione sui prelievi di contante eccedenti una soglia mensile. La banca, in buona sostanza, opererebbe come una sorta di sostituto d’imposta, versando all’erario con le modalità e le tempistiche già in essere. La proposta è strutturata come una tassa del 2% sui prelievi che eccedono la somma di 1.500 euro mensili. In questo modo, calcola lo studio si avrebbe un gettito annuale di circa 3,4 mld di euro, considerato che si ipotizzano prelievi oltre i 1.500 euro ai bancomat nel 20% dei casi, in quanto mento del 50% del contante prelevato è inferiore al tetto dei 1.500 (i dati utilizzati si riferiscono a flussi del 2011 per un solo grande istituto di credito) .

Articoli Correlati