CRONACHEԑ FRIULI VENEZIA GIULIAԑ TOP NEWS

Sequestrati beni a una badante, aveva sottratto 652 mila euro

PORDENONE. La troppa certezza e disinvoltura nelle operazioni finanziarie, la sospetta tempestività con cui è stato fatto cremare il corpo dell’ anziana hanno destato i sospetti degli inquirenti. La Guardia di Finanza infatti sta eseguendo in queste ore alcuni sequestri preventivi per un valore complessivo di 1,212 milioni di euro nei confronti di una cittadina italiana che svolgeva funzioni di “assistente familiare” a favore di una donna di 91 anni – recentemente deceduta – e del figlio di quest’ultima, affetto da disabilità psico-fisica. 

Le indagini hanno accertato che la badante aveva sottratto 652 mila euro dai beni di proprietà della donna, impiegandoli poi nell’acquisto di titoli in un istituto di credito il cui direttore è ora indagato dalla Procura della Repubblica di Pordenone per il reato di favoreggiamento.  Nell’ambito della stessa vicenda, indagini sono in corso, inoltre, per stabilire le cause del decesso dell’anziana assistita. Secondo quanto si è appreso, la badante, subito dopo la morte della donna aveva dato autonomamente disposizioni per l’immediata cremazione del corpo, senza interpellare i parenti della scomparsa. La vicenda, in tutto il suo squallore, verrà chiarita al più presto in ogni suo inquietante aspetto.

Articoli Correlati