CRONACHEԑ PIEMONTEԑ TOP NEWS

Tav Torino-Lione avanti i lavori sul versante francese, la fresa Federica non si ferma

LA PRAZ. Mentre la Tav in Italia è ancora un argomento che accende divisioni, tabù e lacera partiti e movimenti, i cugini transalpini proseguono i lavori di scava. I primi 9 km del tunnel di base della Tav Torino-Lione sono pronti. La fresa Federica abbatterà oggi il diaframma roccioso della prima sezione della maxi galleria di 57,5 km e raggiungendo la camera sotterranea dove verrà smontata in vista dell’avvio della parte successiva dei lavori.

    La cerimonia si svolge a La Praz dove è stata scavata una delle tre discenderie in Francia – la quarta è stata realizzata in Italia a Chiomonte. Sono presenti il ministro dei Trasporti francese Jean-Baptiste DJebbari, i vertici di Telt, la società incaricata di realizzare l’opera (il direttore generale Mario Virano e il presidente Hubert Du Mesnil . Lo scavo dei 9 km è partito nell’estate del 2016 da Saint Martin de la Porte. “Non possiamo basarci solo su Moncenisio questo tunnel darà risultati encomiabili — ha commentato Jean-Baptiste Djebbari — ridurrà l’impatto dei mezzi pesanti, senza parlare dell’inquinamento sonoro. Vorrei ribadire l’interesse della Francia per questo progetto, sono lieto della posizione del governo italiano, il mio omologo De Micheli, che ho incontrato la settimana scorsa, ha dichiarato che i lavori devono avanzare in modalità rapida. Quanto accaduto oggi significa fine di un progetto e inizio di un altro”. Nasce circa 30 anni fa la lunga storia della TAV Torino-Lione. Una storia che ancora oggi suscita tanto interesse e genera molteplici dibattici politici e mediatici. Sostenuta da alcuni influenti imprenditori e industriali di Torino del tempo infatti, l’idea di estendere la rete francese dell’alta velocità all’Italia attraverso la Val di Susa, ha sin dagli albori suscitato intrecci politici di diversi governi (sia in Italia che in Francia) ed istituzioni europee che hanno portato alla firma di molteplici accordi ed intese ed alla crescita del famoso movimento di lotta italiano ‘Movimento No Tav’.

Articoli Correlati