CRONACHE

Brexit: nuovo round di voti di una matassa dura da sbrogliare

LONDRA. La ruota del Parlamento britannico riprende oggi a girare sulla Brexit con un nuovo round di voti indicativi su ipotesi di piano B alternativi all’accordo di divorzio riproposto venerdì scorso dalla premier Tory, Theresa May, e bocciato per la terza volta. L’obiettivo è quello di compattare il numero delle opzioni rispetto alle 8 iniziali rimaste tutte sotto l’asticella d’una qualunque maggioranza.  

Una prima cernita è attesa dallo speaker dei Comuni, John Bercow, sulla base dei consensi ottenuti. Poi in serata nuovo voto, forse con sistema di scelta preferenziale ad esclusione.   L’opzione favorita resta quella di una Brexit più soft con inclusione del Regno nell’unione doganale: cavallo di battaglia del leader laburista, Jeremy Corbyn, su cui sono arrivate aperture anche da Tory moderati inclusi alcuni ministri. May tuttavia, secondo il Times, è convinta che questa soluzione sia destinata a “fare a pezzi” il proprio partito. E non rinuncia alla speranza di poter riesumare il suo accordo

Articoli Correlati