• 21 Gennaio 2022
  • SALUTE

Dubbi sul quarto vaccino, Omicron farà diventare il Covid-19 un’influenza

L'Agenzia Europea esprime dubbi sul quarto vaccino e afferma che sebbene la malattia sia ancora in una fase pandemica, la diffusione della variante Omicron dovrebbe trasformare il Covid-19 in una malattia endemica con cui l’umanità può imparare a convivere

La variante Delta è ancora presente e  la variante Omicron sta raggiunendo il suo picco, ma, secondo l’Agenzia europea per i medicinali (EMA), la situazione potrebbe migliorare nei prossimi mesi. Perché, secondo il regolatore europeo, sebbene la malattia sia ancora in una fase pandemica, la diffusione della variante Omicron dovrebbe trasformare il Covid-19 in una malattia endemica al pari di tutte le altre influenze di stagione.

Dubbi sul quarto Vaccino

L’Ema ha anche espresso dubbi sulla somministrazione di un quarto vaccino alla popolazione, affermando che l’iniezione di dosi ripetute non era una strategia “sostenibile”. “Nessuno sa esattamente quando saremo alla fine del tunnel, ma ci arriveremo”, ha affermato Marco Cavaleri, responsabile della strategia sui vaccini dell’EMA, con sede ad Amsterdam. “Con l’aumento dell’immunità nella popolazione – e con Omicron ci sarà molta immunità naturale oltre alla vaccinazione – ci muoveremo rapidamente verso uno scenario che sarà più vicino all’endemicità, ma non dobbiamo dimenticare che siamo ancora in una pandemia“”, ha aggiunto in conferenza stampa Marco Cavaleri.

La sezione europea dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha anche notato che al momento è impossibile qualificare il virus come endemico, come l’influenza. “Abbiamo ancora un virus che si evolve abbastanza rapidamente e pone nuove sfide. Quindi non siamo certo al punto in cui possiamo definirlo endemico “ ha affermato Catherine Smallwood, responsabile dell’emergenza Oms Europa. Secondo l’OMS Europa, più della metà degli europei potrebbe essere colpita dalla variante Omicron entro due mesi dall’attuale “maremoto”.

Un virus che pone sempre nuove sfide

La Smallwood ha anche avvertito che combattere la pandemia di Covid-19 con dosi di richiamo degli attuali vaccini non è una strategia praticabile, un’opinione condivisa dall’EMA. “Se abbiamo una strategia in cui diamo booster ogni quattro mesi, finiremo per avere potenzialmente problemi di risposta immunitaria E in secondo luogo, naturalmente, c’è il rischio che le persone si stanchino con la continua somministrazione di dosi di richiamo Invece, i paesi dovrebbero iniziare a pensare di distanziare i booster a intervalli più lunghi e di somministrarli all’inizio dell’inverno, come il vaccino antinfluenzale” ha affermato.

Valentina Roselli

Laureata in Scienze Politiche, giornalista, ha iniziato come cronista per importanti testate nazionali e locali, ha collaborato con alcuni periodici di attualità occupandosi di politica ed è stata direttrice editoriale del quotidiano "Notizie Nazionali". Negli ultimi anni ha lavorato come ghostwriter e ha collaborato ad inchieste giornalistiche di attualità per radio e tv online.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati