SCUOLAԑ LOMBARDIA

Fare rete nelle scuole con il progetto “Green School” di Milano

MILANO. Tra due giorni, il 19 giugno, sarà presentato presso l’Auditorium Testori di Palazzo Lombardia a Milano il progetto “Green School: rete lombarda per lo sviluppo sostenibile”, cofinanziato dall’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo, supportato dalla Regione Lombardia, e con l’adesione di Arpa Lombardia. Si tratta di un programma che ha lo scopo di portare alla conoscenza gli attuali temi ambientali, promuovendo anche azioni e forme di partecipazione attiva di scuole, popolazione, e istituzioni regionali. Green School, infatti, iniziato lo scorso 28 maggio con durata prevista fino a novembre 2020, si pone l’obiettivo di creare reti di soggetti che sostengano l’educazione allo sviluppo sostenibile. A tal proposito la Regione Lombardia attiverà una rete regionale di associazioni ed enti locali in tutte le province lombarde, contribuendo al raggiungimento di alcuni obiettivi dell’agenda 2030.

green school

La tutela dell’ambiente e la lotta ai cambiamenti climatici, i temi caldi del progetto, vogliono orientare le scuole a “pensare in verde”, prevedendo, inoltre, l’assegnazione di una certificazione volontaria di riconoscimento alle strutture che dimostreranno di aver realizzato azioni concrete di mitigazione dell’impatto dell’uomo e del cambiamento climatico, di aver sensibilizzato e formato tutta la popolazione scolastica, di aver coinvolto attivamente il proprio territorio e, infine, divulgato i contenuti e i risultati della propria azione.

 L'asilo-balena di Guastalla, green school
L’asilo-balena di Guastalla – Foto di Moreno Maggi

Nel 1994 la Foundation for Environmental Education sviluppa il programma Eco-Schools (poi Green Schools), nel Regno Unito, nome con cui, è conosciuto il programma internazionale a lungo termine di Educazione Ambientale, volto a promuovere e riconoscere azioni delle scuole per la tutela e conservazione dell’ambiente. Al momento non sono ancora molte le scuole italiane che hanno la bandiera verde, ma qualche esempio c’è a Varese, e in provincia di Reggio Emilia, come l’asilo-balena di Guastalla, rinato “sostenibile” dopo il terremoto del 2012 su progetto dell’architetto Mario Cucinella. La struttura è costituita da un sistema di pannelli fotovoltaici e uno di riciclo dell’acqua piovana per annaffiare il giardino con materiali riciclati, mentre l’entrata assomiglia a una grande pancia di balena, come quella di Pinocchio. All’interno, poi, si trovano grandi vetrate, ricche di stimoli sensoriali per i più piccoli. Migliaia di scuole tra le nazioni aderenti in Europa, Africa, America, Asia, hanno ottenuto la “green flag” (bandiera verde), e la partecipazione di altrettanti studenti e insegnanti, insieme con enti locali fa ben sperare anche in Italia.

Simona Cocola

Loading...

Simona Cocola

Giornalista pubblicista torinese, ha iniziato a collaborare per la carta stampata nei primi anni dell'università, continuando a scrivere, fino a oggi, per diverse testate locali. Ha inoltre lavorato in una redazione televisiva, in uffici stampa, ha ideato una rubrica radiofonica, ed è autrice di due romanzi.

Articoli Correlati