• 20 Ottobre 2021
  • AMBIENTE

L’Aie avverte: transizione energetica troppo lenta

L'Agenzia internazionale per l'energia (Aie) lancia seri avvertimenti per una seria transizione energetica e spiega che gli investimenti devono triplicare entro dieci anni

L’Agenzia internazionale per l’energia (Aie) ha lanciato un monito: “La transizione energetica è troppo lenta. Se il mondo non investe più pesantemente e rapidamente in energia pulita, andiamo incontro al riscaldamento globale, e problemi di approvvigionamento“.

L’agenzia lancia seri avvertimenti nel suo rapporto annuale pubblicato due settimane prima dell’apertura della COP26 delle Nazioni Unite a Glasgow. Sta emergendo una nuova economia: batterie, idrogeno, veicoli elettrici. Entro dieci anni gli investimenti in progetti energetici carbon free dovranno triplicare.

Resistenza alla transizione energetica

Ad una effettiva transizione energetica si contrappone “la resistenza dello status quo e dei combustibili fossili. Petrolio, gas e carbone costituiscono ancora l’80% del consumo finale di energia. Gli impegni climatici degli Stati, se rispettati, consentiranno solo il 20% delle riduzioni delle emissioni di gas serra. Questo non basta per per tenere sotto controllo il riscaldamento entro il 2030.

Gli investimenti in progetti energetici a basse emissioni di carbonio dovranno triplicare entro dieci anni, entro il 2050“, riassume il direttore dell’Aie, Fatih Birol. Mentre la pandemia ha fermato i progressi nell’elettrificazione, in particolare nell’Africa subsahariana, i finanziamenti per i paesi emergenti sono fondamentali, quindi devono attrezzarsi evitando in particolare le centrali elettriche a carbone.

Tre scenari per il futuro

L’OCSE responsabile del sostegno a molti paesi, offre tre scenari per il futuro. Nella prima, gli stati continuano come fanno oggi: le energie pulite si stanno sviluppando, ma la crescente domanda e l’industria pesante mantengono le emissioni ai livelli attuali. Il riscaldamento ha raggiunto i 2,6°C rispetto al livello preindustriale, lontano da 1,5°C garantendo impatti gestibili.

Il secondo scenario è quello secondo cui si applicano gli impegni presi, in particolare la neutralità carbonica per più di 50 di essi, compresa l’Unione Europea. La domanda di fossili raggiunge un picco nel 2025, tramite l’efficienza energetica e il boom delle auto elettriche. L’aumento di temperatura rimane a 2,1 ° C.

La terza opzione è la riduzione del carbonio al di sotto di 1,5 ° che richiederà grandi sforzi ma offre significativi benefici per la salute e allo sviluppo economico.

Deficit di investimenti per la riduzione delle emissioni

I finanziamenti necessari sono meno pesanti di quanto sembri. Il 40% delle riduzioni delle emissioni “si paga da sé”, attraverso l’efficienza energetica, la lotta alle fughe di metano, i parchi solari o eolici dove queste tecnologie sono già le più competitive.

L’Aie sottolinea inoltre che l’attuale deficit generale di investimenti incide non solo sul clima ma anche sui prezzi e sull’offerta. Negli ultimi anni, il deprezzamento dei prezzi del gas e del petrolio ha limitato gli investimenti in questo settore, mentre allo stesso tempo la transizione verso l’energia pulita è troppo lenta per soddisfare la domanda. Afferma Fatih Birol. “Non stiamo investendo abbastanza per soddisfare le esigenze future e queste incertezze ci stanno preparando per un periodo volatile. La strada per rispondere è chiara: investire in maniera massiccia e veloce in energie pulite per soddisfare le esigenze a breve e lungo termine“.

Tags

Valentina Roselli

Laureata in Scienze Politiche, giornalista, ha iniziato come cronista per importanti testate nazionali e locali, ha collaborato con alcuni periodici di attualità occupandosi di politica ed è stata direttrice editoriale del quotidiano "Notizie Nazionali". Negli ultimi anni ha lavorato come ghostwriter e ha collaborato ad inchieste giornalistiche di attualità per radio e tv online.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati