SANITA'

Supertopo con vista a raggi X, prima tappa per sconfiggere malattie dell’occhio

Arriva il topo con i “super poteri”. Non sa volare nè ha la vista a raggi X come Superman , ma è capace di vedere attraverso la luce a infrarossi . È il primo topo i cui occhi sono stati modificati utilizzando nanoparticelle di elementi rari, che permettono di percepire anche le particelle di luce ad alta energia e che in futuro potrebbero essere usate nell’uomo per fargli vedere al buio. Il risultato verrà presentato questi giorni al convegno dell’American Chemical Society (ACS) dai ricercatori dell’università del Massachusset . «Quando guardiamo l’ Universo, vediamo solo la luce visibile – commenta Gang Han, coordinatore del progetto -, ma se avessimo la vista a infrarossi, potremmo vederlo in un modo completamente nuovo, o vedere di notte senza il bisogno di strumenti ingombranti».

L’occhio umano e quello di altri mammiferi possono rilevare infatti la luce compresa tra i 400 e 700 nanometri di lunghezze d’onda, mentre quella a infrarossi ha lunghezze d’onda maggiori (da 750 nanometri a 1.4 micrometri). I ricercatori si sono quindi chiesti se iniettando nella retina di topi delle nanoparticelle luminescenti potessero dotarli di una super-vista a infrarossi. Queste nanoparticelle contengono degli elementi rari, l’erbio e l’itterbio, capaci di trasformare le particelle di luce (fotoni) da luce infrarossa in luce verde ad energia maggiore, visibile all’occhio dei mammiferi. I test fatti hanno dimostrato che gli animali, cui erano stati iniettati, riuscivano a vedere oggetti e muoversi anche con la luce a infrarossi, e l’effetto è durato almeno 10 settimane senza causare particolare effetti collaterali. I ricercatori vogliono ora migliorare la sicurezza e sensibilità dei nanomateriali, per poi provare questa tecnica sui cani, prima di arrivare all’uomo, per cui potrebbe avere applicazioni importanti nella terapia di malattie dell’occhio.

Loading...

Articoli Correlati