• 24 Gennaio 2021
  • SANITA'

Virus, appelli alla prudenza e il ministro Speranza conferma i limiti di orario

ROMA. “Non ripetere gli errori dell’estate: il virus circola ancora, e in maniera molto più forte rispetto all’estate, quando uscivamo da due mesi di lockdown totale. Continuiamo a limitare gli spostamenti a quelli necessari e a rispettare le misure igieniche di prevenzione”.

È l’appello del presidente della Federazione degli Ordini dei medici Filippo Anelli, che ha appena avuto un’interlocuzione informale con il ministro della Salute Roberto Speranza. Non sarà un Natale come tutti gli altri dobbiamo dire parole di verità”.

Deve essere un Natale di sobrietà, “siamo dentro l’epidemia molto molto significativa”. Così il ministro della Salute, Roberto Speranza, a ‘Live Non è la D’Urso‘. 

limiti orario

“Penso proprio di sì”. Così  Roberto Speranza rispondendo sul coprifuoco dalle 22 alle 6 anche il 24 dicembre e a Capodanno. “È una norma già vigente e penso che vada confermata ancora. È una delle norme che ci ha consentito in queste settimane di iniziare quel percorso graduale e faticoso che ci consentirà di piegare la curva. Quindi io penso proprio di sì”.

E sulla Messa di Natale: “È chiaro che se c’è un coprifuoco penso che vada rispettato per tutti. Se c’è un coprifuoco c’è un coprifuoco”. “La nostra impostazione non sarà di obbligatorietà”, ma “partiremo con una grande campagna di persuasione poi vedremo dove si arriverà ma io sono convinto che gli italiani anche in questa partita daranno una risposta all’altezza della sfida che stiamo giocando”.

“È chiaro che dobbiamo raggiungere la prevista immunità di gregge”. Così il ministro della Salute, Roberto Speranza ha recentemente dichiarato. “Quando arriverà il vaccino – spiega Speranza – sarà di poche dosi, quindi non si porrà il tema obbligo o non obbligo, anzi saremo noi a scegliere a chi dare quelle poche dosi, è chiaro che noi partiremo dai soggetti più sulla frontiera di questa battaglia”.

Norbert Ciuccariello

Tags

Norbert Ciuccariello

Leggi ancora