IL SANTO DEL GIORNOԑ PRIMO PIANO

18 novembre: Sant’Oddone di Cluny, abate del X secolo

Oddone nasce intorno al 878 a Le Mans. E’ figlio di un feudatario di Deols, nella regione di Tours. Riceve la sua prima educazione alla corte di Guglielmo I di Aquitania, studiando a Parigi con Remigio di Auxerre.
Intorno al 909 diviene monaco, sacerdote e superiore nella scuola dell’abbazia di Baume, il cui abate Berno è il fondatore dell’abbazia di Cluny. Nel 920 diviene abate di Aurillac e nel 927, alla morte di Berno, è indicato da questi come successore all’abbazia di Cluny.

Autorizzato da papa Giovanni XI nel 931, Oddone riforma i monasteri in Aquitania, nel nord della Francia ed in Italia. Il privilegio papale gli dà il potere di unire molte abbazie sotto la sua supervisione e di ricevere a Cluny monaci di altre abbazie benedettine non ancora riformate; la maggior parte dei monasteri rimangono indipendenti e diversi divengono centri di riforma. Oddone è il più grande riformatore di Cluny, che diviene il modello di monachesimo per i successivi secoli avvenire, trasformando il ruolo della pietà religiosa in diuturno stile di vita.

Fra il 936 ed il 942 visita l’Italia diverse volte fondando il monastero di Nostra Signora sull’Aventino a Roma e riformando diversi monasteri come Subiaco e Montecassino. E’ sovente coinvolto in importanti missioni di tipo politico, ad esempio nella pace fra Ugo di Arles e Alberico I di Spoleto da lui mediata su mandato di papa Leone VII.

Fra i suoi scritti si ricordano una biografia di Geraldo d’Aurillac, tre libri di Collationes (opere morali, severe e risolute), alcuni sermoni, un poema epico sulla redenzione (Occupatio) in diversi tomi (ed. Swoboda, 1990) e 12 antifone corali in onore di Martino di Tours.

Oddone muore il 18 novembre 942 a Tour. E’ venerato come santo e la sua memoria liturgica ricorre il 18 novembre.

Alessio Yandusheff-Rumiantseff

Sacerdote cattolico, nato a San Pietroburgo nel 1973, attualmente vive a Roma dove svolge il suo servizio pastorale ed accademico. Ha compiuto gli studi in genetica a San Pietroburgo, in filosofia in Liechtenstein e in teologia alla Pontificia Università Lateranense e alla Pontificia Università Gregoriana di Roma. E' cappellano della Facoltà di Economia dell'Università La Sapienza. Collabora con le riviste teologico-filosofico-storiche "Traditio viva" e "Folia petropolitana" in qualità di redattore e traduttore.

Articoli Correlati