IL SANTO DEL GIORNOԑ PRIMO PIANO

31 ottobre: Sant’Antonino, vescovo di Milano nel VII secolo

Il 31 ottobre sono diversi i Santi e i Beati celebrati dalla chiesa cattolica e da quella ortodossa. Lo scorso anno ci eravamo interessati di Santa Lucilla, martire romana. Oggi, invece, parliamo di Sant’Antonino di Milano che nel VII secolo si adoperò molto per estinguere tra i Longobardi l’eresia ariana.

Il Martirologio Romano e il più antico Catalogo dei vescovi di Milano lo dicono morto il 31 ottobre, ma, probabilmente poiché era la vigilia di Tutti i Santi, la ricorrenza liturgica fu anticipata. E’ il segno di quanto i nostri antichi fratelli custodissero la memoria dei loro pastori, ritenendo che non fosse importante quanto essi avessero fatto o quanto a lungo avessero governato, ma valesse molto di più l’essere stati pastori, guide, servi per amore di Gesù e dei fratelli. Non erano importanti le loro azioni, ma il dono che facevano del corpo e del sangue del Signore Gesù nell’Eucaristia, dell’amore misericordioso di Dio nei sacramenti e nella Parola.

Antonino cercò di favorire la fusione tra gli autoctoni e i nuovi arrivati, i longobardi, e persuase re Ariberto, nipote di Teodolinda, a convertire sé e i suoi alla fede cattolica. Non ne venne la pace: alla sua morte il figlio Bertarido da Milano ingaggiò guerra contro il fratello, Gotefredo, che si era stabilito a Pavia, ma furono ambedue travolti da Grimoaldo, duca di Benevento, il quale, per accontentare tutti, costruì a Pavia una chiesa dedicata ad Ambrogio.

Antonino aveva avuto il coraggio di sperare, come diceva Ambrogio: «Chi agisce da sapiente non ha nulla da temere, il timore, infatti, sta nel peccato. Dove non c’è timore, c’è libertà», quella che il cristiano sempre conosce.

Alessio Yandusheff-Rumiantseff

Sacerdote cattolico, nato a San Pietroburgo nel 1973, attualmente vive a Roma dove svolge il suo servizio pastorale ed accademico. Dottore in Teologia e professore. Ha compiuto gli studi in genetica a San Pietroburgo, in filosofia in Liechtenstein e in teologia alla Pontificia Università Lateranense e alla Pontificia Università Gregoriana di Roma. È cappellano della Facoltà di Economia dell'Università La Sapienza. Collabora con le riviste teologico-filosofico-storiche "Traditio viva" e "Folia petropolitana" in qualità di redattore e traduttore.

Articoli Correlati