VIDEO

“Amaremare”, il nuovo singolo di Dolcenera a tutela del mare

La cantante ha collaborato con Greenpeace per diffondere attraverso l'uscita del nuovo singolo la difesa del mare dalla plastica.

Esce oggi oggi il video del nuovo singolo di DolceneraAmaremare”, un inno in difesa del mare, che vede la collaborazione di Greenpeace per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla tutela del più grande ecosistema del Pianeta, il mare, da una delle minacce ambientali più gravi dei nostri tempi: l’inquinamento da plastica.

L’organizzazione ambientalista ha fornito immagini per realizzare il videoclip della canzone, raccolte nel Mar Tirreno centrale durante la spedizione di ricerca e documentazione “MAYDAY SOS Plastica”, conclusasi lo scorso 8 giugno.

amaremare
Dolcenera: “Quel senso di libertà e bellezza che ti invade…” (Facebook)

«Siamo molto contenti della collaborazione con Dolcenera, il singolo “Amaremare” evidenzia come tutti possano prendersi cura del mare, evitando che l’uso smodato e crescente di plastica usa e getta continui a produrre un impatto ambientale sempre più devastante», ha dichiarato Giuseppe Ungherese, responsabile della campagna inquinamento di Greenpeace Italia. «Ci auguriamo che “Amaremare” riesca a sensibilizzare tante persone; lo stesso obiettivo che si pone l’iniziativa di Greenpeace Plastic Radar di cui Dolcenera è testimonial», ha infine concluso.

Proprio nei giorni scorsi Greenpeace ha rilanciato Plastic Radar, il servizio per segnalare la presenza di rifiuti in plastica sulle spiagge, sui fondali o che galleggiano sulla superficie di mari, laghi e fiumi italiani. È possibile partecipare all’iniziativa utilizzando la più comune applicazione di messaggistica istantanea, Whatsapp, inviando una foto del rifiuto in plastica, completo di posizione geografica al numero di Greenpeace +39 342 3711267.

Inoltre si invita tutti i partecipanti a raccogliere i rifiuti, differenziarli e depositarli negli appositi contenitori una volta effettuata la segnalazione. I dati sulle segnalazioni ricevute sono disponibili in forma aggregata – nell’arco di 24-48 ore – sul sito plasticradar.greenpeace.it

Articoli Correlati