ECONOMIAԑ PRIMO PIANOԑ VENETO

B-Line, made in Italy premiato a livello internazionale

PADOVA. Una bella storia tutta italiana, così come la volontà di lavorare e produrre, restando nel Bel Paese, prodotti di qualità con materiali di ottima scelta. Questa la vicenda dell’azienda padovana B-Line, nata nel 1999, e vincitrice del “Good Design Award”, assegnato a fine 2018, per la poltroncina imbottita “Bix”, disegnata da Zanellato/Bortotto, e il tavolo “Fonda” di Maddalena Casadei.

Il marchio di arredamento e complementi d’arredo originali, tecnologici, ma anche artigianali, che negli anni ha raggiunto la notorietà internazionale, è nato con la produzione esclusiva di alcune icone storiche, come il carrello “Boby”, e la poltrona trasformabile “Multichair” di Joe Colombo.

Il trampolino di lancio che ha portato all’attuale riconoscimento e al premio è stato il Salone del Mobile di Milano dell’anno scorso, con il contribuito della fiera Orgatec di Colonia, dove l’azienda ha debuttato in ottobre, presentandosi agli operatori del settore contract, un’opportunità per sviluppare mercati nei paesi emergenti, attraverso la fornitura, su commissione diretta o gara d’appalto, di un insieme di prodotti e dei servizi necessari per installarli.

Giorgio Bordin, amministratore B-Line, spiega: «Questo riconoscimento rafforza l’impegno dell’azienda verso collaborazioni con giovani designer per proporre a un mercato sempre più contract collezioni funzionali e ben progettate. Un percorso di design e ricerca per soluzioni d’arredo dinamiche e trasversali dagli elevati standard qualitativi, che integrano tecnologia e manualità artigianale».

Il premio Good Design Award, istituito da Museum of Architecture and Design Athenaum di Chicago e da The European Centre for Architecture art Design and Urban Studies nel 1950, rappresenta infatti uno dei più prestigiosi riconoscimenti a livello internazionale per le eccellenze del design nel mondo e nei più diversi settori, dall’elettronica ai trasporti fino alle attrezzature mediche, ai sistemi energetici, alla robotica.

Tra gli oltre 900 progetti di design e grafica candidati da 47 paesi, la poltroncina e il tavolo della B-Line possiedono linee ben definite, e l’estetica armonizza caratteristiche di comodità e utilità con materiali importanti quali legno, metalli, tessuti diversi, e pelle.

Simona Cocola

Giornalista pubblicista torinese, ha iniziato a collaborare per la carta stampata nei primi anni dell'università, continuando a scrivere, fino a oggi, per diverse testate locali. Ha inoltre lavorato in una redazione televisiva, in uffici stampa, ha ideato una rubrica radiofonica, ed è autrice di due romanzi.

Articoli Correlati