DAL MONDO

Cina, uccide a coltellate otto bambini a scuola, due sono feriti

PECHINO. Otto bambini sono stati uccisi da un uomo armato di coltello in una scuola elementare in Cina centrale. L’hanno riferito le autorità locali, sostenendo che l’uomo – un quarantenne – è stato arrestato. Due altri scolari sono stati ricoverati per le ferite riportate nell’attacco. Le piccole vittime, al primo giorno di scuola del nuovo anno, sono stati uccisi da un uomo nel villaggio di Chaoyangpo nella provincia cinese di Hubei. I bambini stavano festeggiando il primo giorno di scuola, quando un uomo – secondo la polizia un certo Yu – ha fatto irruzione nella scuola primaria di Baiyangping, nella provincia di Hubei, colpendoli con un coltello. Non è la prima volta che scolari vengono aggrediti in Cina.

Quest’anno due bambini sono stati uccisi in una scuola dell’Hunan e a gennaio un bidello a Pechino è stato arrestato perché, armato di coltello, ha ferito 20 bambini. Ad aprile, inoltre, nove studenti sono stati uccisi e una decina feriti fuori da una scuola media nella provincia nordoccidentale dello Shaanxi. Lo riferisce la polizia locale senza precisare le modalità dell’attacco e annunciando che il colpevole è un uomo di 40 anni di cognome Yu che è stato arrestato. L’uomo è uscito di prigione lo scorso giugno dopo aver scontato una condanna per tentato omicidio.

Articoli Correlati