• 28 Febbraio 2024
  • DAL MONDO

La situazione attuale del mercato petrolifero

Qualora ci fosse bisogno di ricordarlo, i sauditi hanno sottolineato l’importanza della loro politica petrolifera al mondo Occidentale. È quanto affermato Bjarne Schieldrop, Chief Commodity Analyst presso Skandinaviska Enskilda Banken AB (SEB), in una dichiarazione che analizza le ultime mosse dell’OPEC+, rilasciata questa settimana alla rivista online Rigzone.

La grande sorpresa per il mercato è stata il taglio unilaterale di un milione di barili al giorno dell’Arabia Saudita per luglio 2023“, ha osservato Schieldrop. “Il taglio aggiuntivo assicurerà che il Prezzo Petrolio non scenda sotto i 70 dollari al barile, impedirà l’aumento delle scorte e costituirà un’ottima impostazione negoziale tattica per il prossimo meeting OPEC+ del 4-6 luglio“, ha aggiunto.

Se il taglio di un milione di barili al giorno di luglio non è necessario, allora verrà annullato per agosto e se davvero fosse necessario, l’Arabia Saudita può rafforzare il braccio di ferro dell’OPEC+ per effettuare un taglio combinato da agosto“, ha continuato.

Il taglio unirà l’Arabia Saudita e la Russia e aprirà la strada a tagli congiunti se necessario, ad esempio, potrebbe spostare la Russia da riduzioni involontarie a riduzioni deliberate“, ha proseguito. Nella dichiarazione, l’analista di SEB ha evidenziato che $ 80 al barile sono i nuovi $ 60 al barile e ha affermato che è probabilmente ciò a cui punta l’Arabia Saudita.

Non solo perché è ciò di cui ha bisogno l’Arabia Saudita, ma anche perché è ciò di cui ha bisogno il mercato“, ha sottolineato Schieldrop ricordando che “Un altro aspetto è ovviamente l’inflazione. Se il vecchio prezzo normale del petrolio era di 60 dollari al barile, il nuovo dovrebbe essere più vicino a 80 dollari al barile, tenendo conto di un aumento cumulativo dell’inflazione del 30 per cento“.

Nell’intervista conclude affermando che “Ci sono ancora molte preoccupazioni per una recessione globale, l’indebolimento della domanda di petrolio e il calo dei prezzi del petrolio a causa degli aumenti dei tassi estremamente ampi e bruschi nell’ultimo anno. Questa è la ragione per gli speculatori ribassisti, ma l’OPEC + ha il sopravvento“.

(Pexels)

Tutto quello che bisogna sapere per investire oggi nel mercato petrolifero

In un rapporto inviato a Rigzone questa settimana, gli analisti di Standard Chartered hanno notato che l’ultimo incontro OPEC+ è stato “un affare a più livelli con una serie di risultati importanti“.

Sono stati fissati obiettivi per il 2024, eliminando alcune delle stranezze delle attuali linee di base e obiettivi, adottando un approccio di verifica basata sui dati da parte di terze parti per i principali valori anomali, rompendo la parità obiettivo tra Arabia Saudita e Russia, dicono gli analisti nel rapporto.

Adottando un simile approccio di terze parti basato sui dati per la valutazione della produzione russa, con il ministro dell’Energia dell’Arabia Saudita, Sua Altezza Reale il Principe Abdul Aziz bin Salman, utilizzando la frase di Ronald Reagan (a sua volta tratta da un proverbio russo) ‘Fidati, ma verifica‘. Questo comporta un’estensione dei tagli volontari da parte di alcuni membri dell’OPEC+ annunciati per la prima volta ad aprile fino alla fine del 2024. Un ulteriore taglio volontario da parte dell’Arabia Saudita (soprannominato dal principe Abdul Aziz taglio ‘lecca-lecca’), di un milione di barili al giorno a luglio, prorogabile oltre luglio se ritenuto necessario “Rafforza quelli che erano già saldi nel nostro modello” ha specificato lo stesso ministro.

Nel rapporto, gli analisti hanno affermato di aspettarsi che la domanda globale superi di 1,24 milioni di barili al giorno l’offerta globale a luglio e hanno affermato che il deficit si allargherebbe a 2,7 milioni di barili al giorno ad agosto se il taglio del lecca-lecca fosse continuato.

La reazione del mercato potrebbe ancora rivelarsi lenta, ma l’entità del probabile inasprimento durante il terzo trimestre dovrebbe trascinare i prezzi più in alto“, hanno affermato gli analisti di Standard Chartered nel rapporto. “Riteniamo che l’OPEC+ abbia ottenuto molto più di quanto previsto dal consenso e il livello aggiuntivo del taglio del lecca-lecca sembra essere un modo molto credibile per accelerare i prelievi di inventario”. Gli analisti di Standard Chartered hanno sottolineato nel rapporto che gli ultimi ministri dei dati a breve termine avrebbero visto prima della riunione “non li avrebbero scoraggiati dall’agire“.

I fondi speculativi si sono spostati maggiormente verso il lato corto dal 2009 come quota di interesse aperto, portando il nostro indice di posizionamento dei manager del petrolio greggio a -100”, hanno affermato. “Inoltre, gli ultimi dati dell’Energy Information Administration (EIA) erano ribassisti secondo il nostro indice bull-bear, principalmente a causa delle grandi costruzioni di greggio contro stagionali“.

Il trend è inequivocabilmente rialzista

In un altro rapporto inviato a Rigzone questa settimana, gli analisti di Macquarie Bank Limited hanno affermato come nel breve termine, l’ulteriore taglio saudita dovrebbe contribuire a un ulteriore inasprimento stagionale (aumento delle corse di raffinazione e fine della domanda), appare inequivocabilmente rialzista e potrebbe aiutare a guidare ulteriore rialzo del greggio.

Detto questo, al di là di questo taglio apparentemente temporaneo (ma estendibile), l’incontro non ha prodotto modifiche vincolanti ai livelli di produzione del 2023. La continuazione dei tagli volontari fino al 24 potrebbe rappresentare uno sviluppo rialzista a medio termine, ma il potenziale di slittamento persiste e le pressioni macro potrebbero alla fine dominare i saldi del prossimo anno.

Tags

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati