CRONACHEԑ LAZIOԑ PRIMO PIANO

Clima da “liberi tutti” il richiamo alla responsabilità del ministro alla salute Speranza

ROMA. Effettivamente in giro per le strade si respira un po un clima da liberi tutti quasi ad archiviare quanto e successo, morti e contagiati, dovuti al Covid-19. Non è così l’America Latina è li a ricordarcelo, come altre realtà. Il fatto che ci sia stato quello che vuole essere un leggero allentamento delle misure di sicurezza non significa che tutto è da lasciare alle spalle e da dimenticare. La prudenza e la misura nelle cose e nelle azioni sono tutt’ora da tenere presenti e da osservare.

“La battaglia non è ancora vinta. Serve prudenza. Il virus è ancora molto pericoloso”. Lo dichiara il Ministro della Salute, Roberto Speranza, nel giorno della riapertura dei confini regionali.   “Non è ancora finita, il virus circola, ma grazie alle cose che abbiamo fatto in queste settimane, grazie ai comportamenti degli italiani e alle misure del governo e delle regioni – rileva – abbiamo un quadro epidemiologico sicuramente migliore”.
“Bisogna procedere con cautela e prudenza e le regole che abbiamo imparato in queste settimane – afferma il ministro della Salute – dobbiamo continuare a seguirle perché sono la chiave per la battaglia contro il Covid. Il virus è ancora molto pericoloso”.
    “Noi abbiamo fatto scelte drastiche e gli uomini e le donne di questo paese hanno fatto sacrifici enormi. È stato fatto un pezzo di strada importante ma la battaglia ancora non è vinta. Dobbiamo continuare a lavorare sulla prudenza fino a quando non ci sarà la scoperta di un vaccino che ci consentirà, finalmente, di vincere questa battaglia. Fino ad allora – conclude Speranza – avremo bisogno della massima attenzione e cautela”. 

Norbert Ciuccariello

Articoli Correlati