POLITICAԑ PRIMO PIANO

Conte, proroga al 31 ottobre contro il virus e per salvare le poltrone, Berlusconi “Forzata la Costituzione”

ROMA. In realtà se lo aspettavano tutti il decreto porta ossigeno ad un esecutivo ormai in apnea da tempo immemore… Un decreto contro il virus, forse, e salva poltrone di certo, un’altra operazione che aggiri Camera e Senato riducendoli a spettatori di decisioni presa da un ristretto gruppo di persone. Prorogare lo stato di emergenza al 31 ottobre anziché a fine anno.

Il governo, come ha già anticipato il premier Giuseppe Conte, è intenzionato a ampliare le misure eccezionali per la lotta al Coronavirus e già in settimana potrebbe arrivare una delibera ad hoc in Consiglio dei ministri, accompagnata anche da un decreto legge utile per fare ordine fra le varie scadenze fissate nel corso di questi mesi. Nessuna decisione è stata ancora presa, sottolineano diverse fonti, ma è possibile che si decida di procedere in modo graduale. Scegliere una scadenza più ravvicinata avrebbe però lo svantaggio – è il ragionamento – di rendere più incerto il destino degli interventi a favore di famiglie e imprese. Granitici contro l’uso di strumenti che non possano essere modificati da senatori e deputati invece gli esponenti delle opposizioni: Lega, Fratelli d’Italia e Forza Italia puntano l’indice contro il rischio di “pieni poteri” esercitati dal premier attraverso la scelta di strumenti normativi con corsie preferenziali ma anche contro i partiti di maggioranza. Giorgia Meloni è convinta che la proroga dello stato di emergenza non sia altro che un escamotage di ministri e parlamentari per “salvare le poltrone” mentre Silvio Berlusconi ha preso carta e penna e in una lettera alla Stampa ha ribadito la disponibilità a “collaborare” ma ha anche definito “inaccettabile sul piano della procedura la decisione di forzare ancora la Costituzione e la trasparenza del processo democratico”.

Norbert Ciuccariello

Articoli Correlati