ECONOMIAԑ PRIMO PIANO

Cresce l’export di calzature ma calano le imprese italiane

MILANO. Il settore italiano delle calzature vale circa 14,3 miliardi di euro di fatturato e occupa circa 75 mila addetti, con un’esportazione dell’85% della produzione. Se l’export resta caratterizzato da dinamiche favorevoli in valore (+8,4% nei primi 5 mesi) si registrano contrazioni nei volumi e differenze sempre più ampie tra grandi brand e piccole medie imprese. I dati relativi al primo semestre 2019 sono stati illustrati da Siro Badon, presidente di Micam e di Assocalzaturifici, nel corso della conferenza stampa di presentazione della 88esima edizione della fiera in programma dal 15 al 18 settembre alla Fiera di Milano (Rho).

“Abbiamo avuto una flessione nelle quantità – ha precisato Badon -. E un grido di allarme che voglio lanciare è questo, perché meno quantità significa anche a cascata meno produzione e diminuzione di forza lavoro”. Il primo semestre 2019 ha chiuso con un saldo di -119 calzaturifici, pari al -2,6%, e -429 addetti rispetto al dicembre del 2018.

Piero Abrate

Giornalista professionista dal 1990, in passato ha lavorato per quasi 20 anni nelle redazioni di Stampa Sera e La Stampa, dirigendo successivamente un mensile nazionale di auto e il quotidiano locale Torino Sera. È stato docente di giornalismo all’Università popolare di Torino.

Articoli Correlati