PERSONAGGIԑ PRIMO PIANO

Domani il centenario di Primo Levi: tanti eventi per ricordarlo in tutto il mondo

TORINO. Domani, mercoledì 31 luglio, ricorre il centenario della nascita di Primo Levi. Nel corso dei decenni, la sua opera è stata tradotta in 50 lingue, sono in aumento quelle orientali, come il cinese, il coreano e il vietnamita. L’autore torinese è l’unico tradotto integralmente in inglese. Seguire le parole e i racconti di Primo Levi chimico, scrittore, testimone e inventore, significa fare diverse volte, e in diversi modi, il giro del mondo.

E’ in continua crescita la sua notorietà internazionale, come mostrano, in occasione del centenario, le numerose richieste di patrocino e partecipazione scientifica al Comitato nazionale per le celebrazioni e al Centro Internazionale Studi Primo Levi. Di qua e di là dell’Oceano si moltiplicano i convegni, le mostre, i seminari, le letture da parte di ambasciate, centri di cultura italiani e università straniere, musei e grandi istituzioni culturali: da Bruxelles a Melbourne, da Istanbul a San Diego in California, da Città del Massico a Madrid. D’altro canto, l’opera dello scrittore torinese è sentita dagli italiani che vivono all’estero, come uno dei frutti migliori della propria cultura da divulgare e far conoscere ai propri interlocutori.

Grazie alla limpida verità del suo racconto e alla prospettiva universalistica nella quale colloca lo sterminio degli ebrei,  Levi è oramai riconosciuto come uno tra i maggiori testimoni di Auschwitz anche in paesi molto lontani dalle tragedie europee.

Via via che trascorrono gli anni, Primo Levi è sempre più apprezzato come scrittore di vivido talento linguistico e di multiforme energia immaginativa. Si fanno strada fra un pubblico vastissimo le sue qualità di uomo di pensiero, capace di innescare un dialogo appassionato e arguto con lettori di storie e provenienze diversissime. Ne sono testimonianza gli innumerevoli riconoscimenti, ma ancor più le tante occasioni di approfondimento che si vanno sviluppando nei cinque continenti proprio in occasione del centenario della nascita.

Loading...

Articoli Correlati