DAL MONDO

E’ morta a 98 anni la ballerina cubana Alicia Alonso

L’AVANA. La ballerina Alicia Alonso, probabilmente l’artista cubana più conosciuta al mondo, è morta ieri all’età di 98 anni. Lo ha reso noto il Balletto nazionale di Cuba (Bnc), da lei diretto e fondato nel 1948. Era ricoverata in ospedale a L’Avana a causa di problemi di salute dovuti all’età avanzata. Nata il 21 dicembre del 1921 ed entrata nel 1939 nella compagnia American Ballet Caravan, precursore del New York City Ballet, nel corso della sua lunga carriera Alicia Alonso ha lavorato con tutti i maggiori coreografi del ‘900 interpretando quasi tutti i ruoli del grande repertorio classico e romantico.

Un successo che non le ha mai fatto dimenticare sua Cuba dove è tornata nel 1948 fondando a L’Avana il Ballet Nacional de Cuba, appoggiata e sostenuta dal leader Fidel Castro. Una sfida vinta a tutti i livelli visto che la compagnia ha sfornato generazioni di straordinari danzatori diventando l’emblema di una Paese e di una società durante la rivoluzione castrista e facendo di lei il simbolo vivente della danza. In gioventù la Alonso fece parte del gruppo che inaugurò l’American Ballet Theatre degli Stati Uniti, ricorda l’agenzia di stampa Prensa latina.

Il presidente cubano Miguel Díaz-Canel ha evocato la figura della “prima ballerina assoluta” cubana sostenendo che la sua morte “ci lascia un voto immenso ma anche una eredità ineguagliabile”. Impegnata a calcare le scene fino a età avanzata – la sua ultima esibizione al Teatro dell’Opera di Roma fu nel 1987 a 67 anni – la Alonso ha ottenuto numerosi riconoscimenti in tutto il mondo, fra cui il Premio Porselli ‘Una vita per la danza’. Nel 2003 il presidente francese Chirac la insignì con la Legione d’onore nel grado di ufficiale, mentre due anni fa l’Unesco la designò sua ambasciatrice di Buona volontà.

Norbert Ciccariello

Articoli Correlati