SANITA'ԑ PRIMO PIANO

Edilizia sanitaria, siglato protocollo al Ministero della Salute

Sindacati: qualità e sicurezza al centro di un rinnovato dialogo sociale.

Sicurezza, formazione professionale, lavoro regolare, rispetto del contratto nazionale, legalità, trasparenza e lotta al dumping contrattuale, collaborazione tra parti sociali ed istituzioni: sono questi i punti cardine dell’accordo sottoscritto oggi dai segretari generali degli edili Cgil-Cisl-Uil e dal ministro Roberto Speranza. L’accordo accompagnerà il Piano straordinario anti-Covid per l’adeguamento e la realizzazione di nuove infrastrutture sanitarie e per il rafforzamento dei presidi sanitari territoriali.

Per i sindacati si tratta di un risultato estremamente importante: “In vista delle ingenti risorse che verranno liberate per l’edilizia sanitaria – spiegano i segretari generali di Feneal Filca Fillea, Vito Panzarella, Franco Turri, Alessandro Genovesi – si mettono i necessari “paletti” per le gare e poi per i cantieri su regolarità del lavoro, rispetto del contratto edile, legalità, sicurezza e formazione, legando quindi gli investimenti pubblici alla buona occupazione e al lavoro di qualità.

edilizia sanitaria siglato protocollo

Importante per i sindacati l’apertura di un percorso di confronto e dialogo tra le istituzioni e le parti sociali, che potrà “contribuire a migliorare gli interventi in materia di sicurezza e salute, regolarità del lavoro e legalità, a partire dall’analisi dei fabbisogni formativi sui rischi specifici in relazione alla programmazione di intervento territoriale e ad una conseguente pianificazione della informazione e formazione sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. In questo – proseguono i sindacalisti – potremo contare anche sul lavoro dell’Osservatorio sulla qualità del lavoro nel settore dell’edilizia sanitaria, previsto dal Protocollo, che avrà il compito di implementare le misure e gli interventi previsti e di valutare i risultati raggiunti“.

Il protocollo si aggiunge a quello sottoscritto dagli edili Cgil Cisl Uil nei giorni scorsi con i ministeri dell’Istruzione e delle Infrastrutture, l’Associazione dei Comuni Italiani, l’Unione delle Province, per tutelare i lavoratori edili impegnati negli interventi straordinari sull’edilizia scolastica.

Roberto Speranza, ministro della Salute

Inoltre nel prossimo futuro sarà fondamentale giungere ad un Accordo Quadro con il ministero delle Infrastrutture su tutte le opere ricomprese nel decreto semplificazioni e nell’allegato ‘Italia Veloce’, in maniera tale da poter garantire in tutti i cantieri edili pubblici i migliori standard contrattuali, di sicurezza e di legalità. A tale scopo i sindacalisti invocano l’applicazione non solo del contratto edile, ma anche di “quelle buone pratiche come, per esempio, il Durc per Congruità, il settimanale di cantiere e le notifiche preliminari da inviare a tutte le Casse Edili ed Edilcasse.

Tags

Articoli Correlati