SPORTԑ PRIMO PIANO

EL, una Roma ampiamente rimaneggiata pareggia a Graz: 1-1

GRAZ. La Roma pareggia 1-1 a Graz, in Austria, contro il Wolfsberger nella seconda partita di Europa League. Il rammarico per i giallorossi è di non essere riusciti a mantenere il vantaggio siglato da Spinazzola. Nella ripresa hanno sottovalutato l’avversario e subìto il pari di Liendl su un’ingenuità dello stesso Spinazzola. C’è da tenere presente che Fonseca ha attuato un ampio turnover: oltre a Pastore, Under, Pellegrini e Mkhitaryan, ha dovuto rinunciare in extremis anche a Pau Lopez, vittima di un lieve risentimento muscolare, e a Florenzi, messo ko da un’influenza, per cui ha fatto esordire in questa stagione tra i pali Mirante, ha rilanciato a destra Santon e ha dato una chance sulla trequarti a Pastore. Con Kolarov, Dzeko e Veretout tenuti a riposo in panchina, poi, ha dato spazio a Spinazzola e Kalinic restituendo una maglia dal 1′ a Fazio e Cristante.

In quanto al risultato, se si vuole vedere il bicchiere mezzo pieno, c’è da dire che il Wolfsberger aveva impressionato nel primo turno, andando a vincere 4-0 in Germania contro il Borussia Moenchengladbach, e che è primo del girone a 4 punti, in coabitazione proprio con la Roma. Quindi un pareggio in trasferta può anche andare bene a Fonseca. Nei prossimi due match i giallorossi affronteranno, prima all’Olimpico e poi in Germania, proprio il Borussia: sarà l’occasione per mettere una bella ipoteca sulla qualificazione.

WOLFSBERGER-ROMA 1-1 (0-1) 

Wolfsberger (4-3-1-2): Kofler, Novak, Sollbauer, Rnic, Schmitz, Schmid, Leitgeb, Ritzmaier (47′ st Wernitznig), Liendl (43′ st Schmerböck), Weissman (36′ st Schmidt), Niangbo. (29 Kuttin, 4 Gollner, 19 Sprangler, 22 Baumgartner). All. Struber.
Roma (4-2-3-1): Mirante, Santon, Mancini, Fazio, Spinazzola (35′ st Kolarov), Diawara, Cristante (37′ st Veretout), Kluivert, Pastore (32′ st Antonucci), Zaniolo, Kalinic. (13 Pau Lopez, 2 Zappacosta, 5 Juan Jesus, 9 Dzeko). All.: Fonseca.
Reti: nel pt 27′ Spinazzola, nel st 6′ Liendl.
Ammoniti: Sollbauer, Cristante, Zaniolo, Diawara e Kluivert per gioco falloso

Piero Abrate

Giornalista professionista dal 1990, in passato ha lavorato per quasi 20 anni nelle redazioni di Stampa Sera e La Stampa, dirigendo successivamente un mensile nazionale di auto e il quotidiano locale Torino Sera. È stato docente di giornalismo all’Università popolare di Torino.

Articoli Correlati