COSTUMEԑ PIEMONTEԑ PRIMO PIANO

Festa del Piemonte nel segno della battaglia dell’Assietta

USSEAUX. La cinquantunesima edizione della Festa del Piemonte è in programma all’Assietta domani (domenica 21), come sempre per iniziativa dell’associazione “Festa dël Piemônt al Còl ëd l’Assieta” e con il patrocinio della Città Metropolitana di Torino. Il tutto nel solco di una tradizione avviata da coloro che nel 1969 iniziarono a salire a 2.566 metri per ricordare una delle pagine più importanti della storia del Regno di Sardegna e dell’Europa intera: la battaglia che il 19 luglio 1747 segnò la sconfitta della Francia e delle sue mire espansionistiche sul Piemonte.

Tra coloro che idearono la rievocazione e la festa è indimenticabile la figura di don Rinaldo Trappo, che fu cappellano degli Alpini del 1° Reggimento in Grecia e in Russia, uscì vivo dall’inferno del Don e fu preso prigioniero dai tedeschi dopo l’8 settembre 1943. All’Assietta Don Trappo celebrò per molti anni la Messa in lingua piemontese, mentre il compianto generale Guido Amoretti curò per altrettanti anni la ricostruzione storica della battaglia del 1747.

Com’è tradizione, oggi (sabato 20) si monta l’accampamento storico nei pressi del lago antistante il Rifugio Assietta, che da quest’anno lavora in sinergia con l’organizzazione nella preparazione dei pasti di questa sera e della polenta della domani (domenica 21). Ai curiosi, agli appassionati e a chi semplicemente vuole saperne di più quest’anno vengono proposte le visite guidate al campo di battaglia, condotte dallo storico militare Eugenio Garoglio e da Alessia Giorda, guida turistica e presidente del Coordinamento rievocazioni storiche 1600-1700.

Stasera è anche in programma una fiaccolata sino alla Butta dei Granatieri, dov’è previsto un momento di ricordo per i caduti, a cui seguiranno il falò e il vin brulè nei pressi del Rifugio Assietta. Il programma della domani inizia con il raduno alle 9.30 e prosegue alle 10 con la Messa in piemontese alla presenza dei gonfaloni degli Enti locali, delle autorità civili e militari e della banda musicale di Cavour. A seguire la commemorazione all’Obelisco della Butta e, alle 11, la rievocazione della battaglia nei pressi del Rifugio Assietta. In caso di maltempo la manifestazione si tiene in forma ridotta.

Nel giorno in cui è anche in programma la Gran fondo ciclistica Sestriere-Colle delle Finestre, per raggiungere nella mattinata domenicale il Colle dell’Assietta è consigliato il percorso che sale la Val Chisone da Pinerolo in direzione Sestriere, sino al bivio di Usseaux. Si prosegue poi per Balboutet e Pian dell’Alpe, da dove inizia la Strada Provinciale 173 dell’Assietta, interamente sterrata sino a Sestriere. In occasione della Festa del Piemonte, domenica 21 luglio è in vigore il senso unico di circolazione in salita da Pian dell’Alpe verso il Colle dell’Assietta dalle 9 alle 12. Dalle 13 alle 19 la Provinciale 173 è percorribile solo in discesa dall’Assietta al Pian dell’Alpe.

Loading...

Articoli Correlati