SCIENZEԑ PRIMO PIANO

Ha sensori italiani Robosimian ultimo nato di casa Nasa

ROMA. Ha sensori italiani una delle mani di Robosimian, il robot del Jet Propulsion Laboratory (Jpl) della Nasa in grado di camminare sia su due zampe che su quattro, specializzato in operazioni di soccorsi in caso di incidenti e catastrofi.

Una delle sue mani hi-tech adesso può afferrare oggetti anche delicati senza distruggerli o farli cadere, grazie alla ricerca pubblicata sulla rivista Frontiers in Neurorobotics e condotta da Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa e Jpl, con la collaborazione di Istituto Italiano di Tecnologia (Iit) e Università Cà Foscari di Venezia.

“Presentiamo la progettazione e lo sviluppo di una mano artificiale sensorizzata per il controllo e la percezione delle proprietà fisiche degli oggetti manipolati”, ha detto il primo autore della ricerca, Luca Massari, dottorando di ricerca del Neuro-Robotic Touch Lab dell’Istituto di BioRobotica della Scuola Sant’Anna e borsista dell’Università Ca’ Foscari. La mano del robot riesce a percepire rigidità, dimensione e consistenza di oggetti diversi.

Loading...

Articoli Correlati