DAL MONDO

Hong Kong, la governatrice fa l’occhiolino ad un intervento diretto cinese

HONG KONG. A un passo dal consegnare Hong Kong ad un controllo militare-poliziesco alla Cina. Questo si legge fra le righe nelle ultime dichiarazioni della governatrice dell’ex isola felice di Hong Kong.

“Sento fortemente che dovremmo da soli trovare le soluzioni ed è questa anche la posizione del governo centrale, ma se la situazione dovesse diventare pessima, allora nessuna opzione può essere esclusa se vogliamo che Hong Kong abbia almeno un’altra chance”: così la governatrice Carrie Lam, in conferenza stampa, ha risposto alla domanda su quale fosse il livello di disordine per poter chiedere aiuto a Pechino al fine di riportare la calma nella città scossa da quasi quattro mesi di proteste a favore di riforme democratiche. Sarebbe una resa incondizionata della democrazia reclamata a gran voce nelle manifestazioni, sarebbe la fine di Hong Kong come il mondo l’ha sempre conosciuta.

Loading...

Articoli Correlati