CRONACHEԑ PRIMO PIANO

I sospetti sul delitto di Marilena Corrò trovata in un serbatoio

Marilena Corrò, 52enne italiana, è stata uccisa a Capo Verde, nella città di Sal Rei a Boavista, dove si era trasferita da un anno e mezzo. Originaria di Treviso, la donna viveva nel Paese dell’arcipelago vulcanico al largo della costa nord-occidentale dell’Africa, alloggiando in quella che era una casa adibita a bed and breakfast. La notizia è stata data dal quotidiano “Il Gazzettino”, citando fonti di stampa locali. Martedì 26 novembre, il giorno del delitto, i vicini di casa avrebbero sentito la donna urlare dal residence. Il corpo di Marilena Corrò è stato trovato dagli investigatori all’interno di un serbatoio per la raccolta dell’acqua. I sospetti cadono su un italiano tra i 45 e i 50 anni, che gestiva la struttura ricettiva, fermato dalla polizia per essere interrogato. Non è ancora stata accertata la causa del decesso, anche se vi sono elementi per ritenere che che la donna sia stata picchiata violentemente.

Articoli Correlati