DAL MONDO

I talebani sferrano un nuovo attacco, vanificati anni di presenza Usa

KABUL. Il nuovo attacco dei talebani arriva il giorno dopo quello contro Kunduz, una delle più grandi città dell’Afghanistan, nel quale sono rimaste uccise almeno 16 persone e ferite altre 100. Gli attacchi sono visti come un rafforzamento della posizione negoziale dei talebani nei colloqui con l’inviato statunitense Zalmay Khalilzad, che visiterà Kabul la prossima settimana. I talebani hanno lanciato oggi un attacco contro una seconda città afgana in due giorni, proprio mentre un inviato degli Stati Uniti afferma che Usa e guerriglieri sono “alla soglia di un accordo” per mettere fine al conflitto americano più lungo di sempre.

    La polizia della provincia settentrionale di Baghlan afferma che combattimenti sono in corso alla periferia della capitale provinciale Puli Khumri, senza specificare se al momento ci siano vittime. L’attacco arriva il giorno dopo quello contro Kunduz, una delle più grandi città dell’Afghanistan, nel quale sono rimaste uccise almeno 16 persone e ferite altre 100. Gli attacchi sono visti come un rafforzamento della posizione negoziale dei talebani nei colloqui con l’inviato statunitense Zalmay Khalilzad, che visiterà Kabul la prossima settimana. Un funzionario della squadra negoziale Usa ha dichiarato che “i talebani vogliono sedersi al tavolo con altri afgani e insieme impegnarsi per un cessate il fuoco permanente e completo”.

Articoli Correlati