DAL MONDOԑ PRIMO PIANO

Il genetista cinese He Jiankui condannato per il dna modificato

He Jiankui, il genetista cinese accusato per i suoi esperimenti per la nascita di bambini con Dna modificato, è stato condannato a tre anni di carcere. L’accusa è di aver praticato la medicina illegalmente, e a riportare la notizia è l’agenzia di stampa statale Xinhua. Applicata anche una multa di circa 400mila euro al ricercatore, che pare non essere il solo ad essere stato condannato: altre due persone hanno riportato la stessa accusa.“I tre accusati non avevano la certificazione adeguata per praticare la medicina e nel cercare fama e ricchezza hanno deliberatamente violato le normative nazionali in materia di ricerca scientifica e cure mediche”, ha reso noto il tribunale cinese che ha emesso la sentenza. Gli altri due ricercatori sono Zhang Renli, condannato a due anni di reclusione e multato per circa 127mila euro, e Qin Jinzhou, condannato a 18 mesi e multato per quasi 64mila euro. La comunità scientifica mondiale condannò duramente gli esperimenti di He nel 2018 alla Southern University of Science and Technology di Shenzhen. Inoltre il governo cinese stoppò il lavoro degli scienziati sempre nel 2018, dopo la nascita di due gemelle con il Dna modificato per evitare di contrarre l’Aids. Lo scorso gennaio le autorità cinesi hanno confermato la gravidanza di una seconda donna nell’ambito degli esperimenti di He Jiankui.

dna modificato
Foto Facebook Página He Jiankui

Alcuni mesi fa la rivista “Science” conduceva un’inchiesta su He Jiankui, riguardo investitori e potenziali partner in America che il medico avrebbe incontrato per aprire cliniche in cui far nascere esseri umani immuni alla Hiv e ad altre malattie. Lo scopo sarebbe stato un business di bambini geneticamente modificati, al fine d’intraprendere un “turismo medico genetico” in Asia. Pare che il genetista cinese, come da affermazioni durante una conferenza mondiale di ricercatori, abbia dichiarato di sentirsi orgoglioso del suo lavoro. Questo perché, secondo lui, “il padre di una coppia di gemelli nata era sieropositivo e, anche se la madre era sana, avevano perso la speranza”. Le dichiarazioni di alcuni esperti sono raccapriccianti, in quanto i centri per la fecondazione assistita potrebbero tra breve diventare realtà, e offrire servizi per “collaudare” un figlio. Questa tecnologia infatti potrebbe davvero risolvere alcune malattie genetiche, e in Cina pare proprio che i risultati dei sondaggi tra la popolazione, in proposito, siano favorevoli a questo tipo di tecnica.

Articoli Correlati