SANITA'ԑ PRIMO PIANO

In rialzo i contagi da Covid-19, ma molti focolai sono da attribuire a migranti fuggiti

ROMA. Focolai incontrollati come a Treviso e in Piemonte, focolai che hanno come comune denominatore la presenza di immigrati sul territorio. Una realtà inconfutabile come i continui casi di fuga dai centri di accoglienza. In netto rialzo nuovi contagiati e vittime del Coronavirus nelle ultime 24 ore.

I nuovi casi sono 642: 239 in più rispetto a ieri. Sette i morti, contro i 4 del giorno prima. In crescita anche i tamponi: 71mila, quasi 20mila in più di ieri. In Lombardia (+91) e Emilia Romagna (+76) i maggiori incrementi di contagiati. Questi i dati del ministero della Salute. Il dato odierno è il più alto dallo scorso 23 maggio, quando se ne registrarono 669. I casi totali sono così saliti a 255.278, i morti a 35.412. Il trend di crescita dei contagi è stato costante ad agosto, tranne una flessione in alcune giornate coincise con un calo dei tamponi. Continuano a crescere le persone ricoverate con sintomi per Covid: sono 866, 23 in più nelle ultime 24 ore. Aumentano anche le terapie intensive (66, +8), mentre i pazienti in isolamento domiciliare sono incrementati di 240 unità (ora sono 14.428). Gli attualmente positivi sono 15.360 (+271). I dimessi ed i guariti sono saliti a 204.506 (+364). In Lombardia il maggior numero di pazienti in terapia intensiva (14), nel Lazio i ricoverati con sintomi (229).

Norbert Ciuccariello

Articoli Correlati