DAL MONDO

Iran ” Se il coronavirus torna siamo pronti a chiudere tutto”

TEHERAN. “Se ci colpisce una seconda ondata di coronavirus, non avremo altra via d’uscita se non quella di imporre nuovamente le restrizioni per combatterlo”. Lo ha detto il presidente iraniano Hassan Rohani, dopo che il ministro della Salute Saeed Namaki gli aveva chiesto di esprimere alla popolazione la sua preoccupazione sull’aumento dei contagi degli ultimi giorni, che ieri hanno raggiunto i massimi da marzo, con 3.134 casi in 24 ore. Rohani ha quindi chiesto ai funzionari di rafforzare i controlli e ai media di incoraggiare la popolazione a osservare i protocolli di prevenzione.

“Un nuovo picco della malattia bloccherebbe le vite quotidiane dei cittadini, minacciando la loro situazione economica e la loro salute. La popolazione deve smettere di fare viaggi non necessari”, ha aggiunto il capo del governo iraniano, puntando il dito contro l’intenso traffico veicolare nelle strade di Teheran verso le località di vacanza sul mar Caspio.

Articoli Correlati