DAL MONDO

Israele, è testa a testa fra Likud e Blu Bianco, la maggioranza della Knesset

TEL AVIV. Con lo spoglio del 91% dei voti il Likud di Benyamin Netanyahu ed il partito Blu Bianco di Benny Gantz sono ancora appaiati con 32 seggi a testa sui 120 della Knesset. Lo affermano i media precisando che si tratta di dati ufficiosi.  Il blocco dei partiti di destra ottiene 56 seggi, mentre le liste di centrosinistra ne ricevono 55. Da parte sua il partito Israel Beitenu di Avigdor Lieberman riceve 9 seggi. I dati sembrano profilare un testa a testa, ma se anche il premier incaricato uscente, Netanyahu, dovesse riuscire a spuntarla su Gantz come successo in aprile, questo non sarebbe sinonimo per lui di governo certo.

Qualche mese fa, infatti, “Bibi” aveva già ricevuto dal presidente Reuven Rivlin l’incarico di formare un esecutivo. Netanyahu, però, non era riuscito a mettere insieme una coalizione in grado di esprimere una maggioranza e 6 mesi più tardi questo scenario rischia di riproporsi. L’ostacolo principale per l’uomo che guida lo Stato Ebraico da ormai 10 anni risponde al nome di Avigdor Lieberman, leader del partito che fa messe di voti tra gli immigrati dall’ex Unione Sovietica. Il Likud, stando ai sondaggi, ha bisogno di Lieberman: l’ex ministro della Difesa di Bibi, però, ha giurato di non essere più disposto a lavorare con/per lui. Ma ad urne chiuse si riprenderà a trattare…

Articoli Correlati