ECONOMIAԑ PRIMO PIANO

Istat, la produzione industriale nel 2019 scende dopo cinque anni

Nel 2019 la produzione industriale ha mostrato una diminuzione rispetto all’anno precedente, si tratta del primo calo dal dal 2014 e di quella più ampia dal 2013. Lo ha rilevato l’Istat che per l’anno scorso stima un calo dell’1,3% in media rispetto al 2018, in cui si era registrata una crescita dello 0,6%. Si tratta della prima diminuzione dal 2014 e di quella più ampia dal 2013, quindi da sei anni.

La produzione industriale a dicembre del 2019 scende del 2,7% rispetto a novembre, segnando il calo più forte da gennaio del 2018. Su base annua la diminuzione è del 4,3% (dato coretto per gli effetti di calendario). Il dato annuo risulta in flessione anche in termini grezzi ma la contrazione diventa meno ampia (-1,3%).

Nel quarto trimestre del 2019 la produzione industriale scende in termini congiunturali dell’1,4%, il calo più forte dal quarto trimestre del 2012. Inoltre la flessione segue quelle del secondo e del terzo trimestre. Applicando gli standard del Pil alla produzione industriale si potrebbe dire che il settore sta attraversando una fase di ‘recessione’.

istat produzione industriale 2019

I principali settori che hanno registrato variazioni negative e positive

Tra i principali raggruppamenti di industrie, variazioni negative sono state registrate tra beni intermedi (-2,8%), l’energia e i beni di consumo (-2,5% per entrambi i raggruppamenti) e i beni strumentali (-2,3%).

I soli settori di attività economica che registrano incrementi tendenziali sono la fabbricazione di computer, prodotti di elettronica e ottica (+5,3%), l’industria alimentare, bevande e tabacco (+2,9%) e le altre industrie (+1,1%). Tra i rimanenti settori le maggiori flessioni si registrano nelle industrie (-10,4%), nella fabbricazione di coke e prodotti petroliferi raffinati (-9,3%) e nella fabbricazione di macchinari e attrezzature n.c.a. (-7,7%).

Su base tendenziale e al netto degli effetti di calendario, a dicembre 2019 si registrano accentuate diminuzioni per i beni intermedi (-6,6%), l’energia (-6,0%) e i beni strumentali (-4,7%); un decremento più contenuto si osserva per i beni di consumo (-0,8%).

Norbert Ciuccariello

Articoli Correlati