AMBIENTEԑ LOMBARDIAԑ PRIMO PIANO

La Giornata Mondiale dell’Acqua ricorda il diritto di tutti ad averla

MILANO. Il 22 marzo, come da 27 anni a questa parte, si celebra la Giornata Mondiale dell’Acqua, istituita dalle Nazioni Unite nel 1992, come prevedono le direttive dell’Agenda 21, un manuale per lo sviluppo sostenibile. Il fine è quello di promuovere attività concrete, e sensibilizzare l’opinione pubblica a riguardo. Acqua pulita e servizi igienico sanitari sono, inoltre, l’Obiettivo 6 dell’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile, il programma d’azione per le persone, il pianeta, e la prosperità sottoscritto nel settembre 2015 dai governi dei 193 Paesi membri dell’Onu.

Dal 1997 il World Water Council, organismo non governativo internazionale che si occupa del settore dell’acqua, convoca ogni tre anni un World Water Forum a tema per raccogliere i contributi e discutere sui problemi e le strategie comuni da adottare. L’obiettivo che l’Italia si è data, come altri Paesi, è quello di garantire l’accesso all’acqua potabile a tutti entro il 2030, ma l’Onu ha riconosciuto da anni ormai “il diritto all’acqua potabile e alle strutture igienico-sanitarie pulite e sicure come un diritto umano, essenziale per il pieno godimento della vita e di tutti i diritti umani”.

Nel 2015, sui 27,8 milioni di persone migrate nel mondo, 19,2 milioni sono state spinte da cause ambientali, tra cui la mancanza d’acqua dovuta ai cambiamenti climatici. Inoltre, si stima che nel 2050 il 70% della popolazione vivrà in ambiente urbano, e i mutamenti del clima accentueranno ancora di più le crisi idriche.

Dal 2018 esiste la “Carta delle Città per il Diritto Umano all’Acqua”, sottoscritta dai sindaci per salvaguardare l’acqua come bene comune attraverso azioni concrete, tra cui politiche per garantirne l’accesso e progetti rivolti all’ambiente. Il coordinamento Agende 21 Locali Italiane ha collaborato con il Comitato italiano contratto mondiale sull’acqua (Cicma), onlus attiva dal 2000 in Italia, in merito, e quest’ultimo organizzerà domani 22 marzo alle ore 17 in piazza Diocleziano 5 a Milano un seminario di approfondimento sulla “Giornata Mondiale dell’Acqua: Nessuno senza!”, promosso anche da Centrale dell’Acqua di Milano e Mm Milano. Pulizie di laghi, spiagge, e numerosi altri eventi si svolgeranno poi in tutt’Italia e nel mondo, ricordando che è in Africa che vive metà delle persone che bevono acqua da fonti non sicure a livello globale.


Simona Cocola

Giornalista pubblicista torinese, ha iniziato a collaborare per la carta stampata nei primi anni dell'università, continuando a scrivere, fino a oggi, per diverse testate locali. Ha inoltre lavorato in una redazione televisiva, in uffici stampa, ha ideato una rubrica radiofonica, ed è autrice di due romanzi.

Articoli Correlati